lettera AR: aspetti giuridici

Enzo Fogliani fog a NEXUS.IT
Lun 3 Apr 2000 10:26:10 CEST


Salve.

        Come aveva anticipato nella mail precedente, vi riassumo sotto
l'aspetto tecnico-giuridico come funziona il sistema che era gia'
stato proposto in passato al comitato esecutivo sin dal novembre 1998,
e che potrebbe oggi trovare l'approvazione della RA (che al convegno
al Futurshow di Bologna ha esposto uno schema simile come soluzione
ipotizzabile per il futuro).

        Nel nostro ordinamento sono molto conosciute categorie professionali,
dotate di specifiche competenze, cui viene riservata l'interazione con
determinati uffici pubblici. (Si pensi agli avvocati, che
rappresentano i loro clienti nella cause). Si tratta di soluzioni
studiate per far si che in un determinato ambito di attivita' si
inserisca un intermediario di sicura qualificazione che si ponga come
interfaccia fra utente finale ed ente.

        Si prenda ad esempio la figura dello spedizioniere doganale (anche se
oggi la denominazione e le funzioni sono mutate). Ad esso la legge
riserva i contatti che necessariamente chi importa o esporta merce
deve avere con la dogana. I vantaggi per la dogana: tratta sempre con
un soggetto qualificato, che si sa chi sia e dove sia. Vantaggi per
l'utente: non deve studiarsi tutte le leggi doganali, ma si affida ad
un soggetto di sicura competenza. Vantaggi per tutti: minori costi e
maggiore velocita' di esecuzione delle operazioni doganali.

        Stesso discorso puo' ovviamente farsi per cliente, Maintainer e RA.
E, trattandosi di situazione sotanzialmente analoga sia in fatto che
in diritto, si possono utilmente trasferire al nostro campo anche gli
stessi strumenti contrattuali.

        Essi, piu' in dettaglio, sono:

1) un contratto che l'utente stipula con il Maintainer, con il quale
il maintainer riceve mandato (a) di stipulare con la RA in nome e per
conto del cliente il contratto per la registrazione del nome a dominio
(b) di curare gli aspetti tecnici della registrazione e della
manutenzione. Tale mandato puo' essere autonomo, oppure conglobato in
un contratto di servizi piu' ampio.

2) Il contratto per la registrazione del nome a dominio che il
Maintainer, in nome e per conto del cliente, stipula con la RA.

        I vantaggi, sotto il profilo giuridico, sono evidenti. Viene infatti
ad istaurarsi un rapporto contrattuale diretto fra cliente e RA,
mentre i principi applicabili sono quelli del mandato.

        Alcune conseguenze:

1) Dato che la RA stipula per la registrazione del nome a dominio
contratti standard, le clausole del contratto con la RA devono essere
riportate nel contratto di mandato fra utente e Maintainer. In altre
parole, il contratto fra Maintainer e proprio cliente deve essere un
mandato con il quale il cliente da incarico al maintainer di
sottoscrivere il contratto standard con la RA, vincolandosi alle
regole di naming, all'arbitrato, alle Netiquette, etc. (cfr. art. 1703
e segg. cod. civ.)

2) La funzione della lettera di AR viene svolta dalla "procura" che il
cliente rilascia al maintainer (niente paura, non e' una procura
notarile, ma un foglio del tipo lettera di AR che serve a
giustificare, se la RA lo richiede, i poteri del maintainer per
chiedere la registrazione di quello specifico nome a dominio) (cfr.
art. 1393 cod. civ.).

3) Il contratto per la registrazione del nome a dominio produce
direttamente effetti fra RA e richiedente (cfr. art. 1388 cod. civ.);

4) Il Maintainer e' responsabile verso la RA della effettiva esistenza
del mandato (e, quindi, dell'impegno del cliente) in virtu' delle
previsioni dell'art. 1398 cod. civ., secondo il quale il
rappresentante senza poteri (o che ha agito oltre i poteri
conferitigli) risponde personalmente delle obbligazioni assunte.

        Ho riportato i riferimenti al codice civile perche' chi abbia voglia
possa verificare come tutto il sistema sia ampiamente regolato dalla
nostra legge (artt. da 1387 a 1400 e da 1703 a 1730 del codice
civile); talche' e' difficile che, in caso di contestazioni, non si
trovi una soluzione gia' ampiamente collaudata.

        Questo tipo di posizione situazione contrattuale (cliente <--->
maintainer <----> Registration Authority) a mio avviso e' molto
preferibile a quella attuale in quanto:

a) esalta la professionalita' del maintainer;
b) garantisce maggiormente la RA;
c) ha maggiore certezza nelle norme, essendo piu' tipica e collaudata
di quella attuale.

        Cio' non toglie che abbia anche altre conseguenze di carattere
pratico, che esamino nella prossima mail.

        Buon lavoro a tutti!

        Enzo Fogliani.


--
----------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani                         Tel.:  +39-06-35346935
via Prisciano 42                           Tel.:  +39-06-35346975
00136 Roma RM                              Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/studio                   E-Mail: fog a nexus.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe