Precisazioni sulla lettera AR

Giorgio Just giorgio.just a WAVENET.IT
Mer 5 Apr 2000 15:24:21 CEST


Riporto qui sotto parte della prima delle 4 mail inviate in sequenza da
Enzo sul tema delle LAR che è riesploso (capita al cambio di stagione....?)
in lista.
Tra tante ipotesi apparse (alcune decisamente macchinose, talune anche
bislacche) quella esposta da Enzo ha il pregio, innanzitutto, di affrontare
organicamente il problema: aspetti giuridici, aspetti pratici, tempi
ipotizzabili di attuazione, ed è già un grandissimo pregio.
Poi, nel merito, quanto afferma Enzo: "...... (la LAR) è elemento
indispensabile per le altre funzioni
che svolge...." mi trova pienamente consenziente.
Credo quindi che questa ipotesi vada valutata seriamente e
approfonditamente rifuggendo dalle tentazioni, che spesso qui si
manifestano, di dover dare a tutti i costi una soluzione "personalizzata"
(siamo tutti intelligenti "per default", OK? altrimenti non ci saremmo
lanciati nella "new economy" prima ancora ne venisse coniato il termine).
In particolare sento di esprimere la piena condivisione sulle ragioni "pro
esaltazione della professionalità dei MNTs" così come espresse da Enzo:
questo anche per rispondere a chi ritiene questo ruolo "una comoda rendita
di posizione". Può anche esserlo se ci si limita a fare il mark-up sulle
tariffe di registrazione della RA: non lo è e lo sarebbe comunque sempre
meno se il ruolo dei MNTs venisse maggiormente responsabilizzato e
accresciuto di connotazioni professionali a favore dei clienti
(registranti) e a tutela dell'attività "neutra" (cioè tecnica) della RA.
Rivolgo a tutti un caloroso invito a vedere nelle proposta Fogliani una
strada percorribile, in sintonia con la normativa applicabile e già
esistente, in grado di "schiodare" la mostruosa impasse delle registrazioni
(30 giorni contro i 3 precedenti) che TUTTI (maiuscolo di enfatizzazione:
la NA siamo noi) abbiamo contribuito a generare.

Cordiali saluti...... e mi auguro numerosi commenti.
Giorgio Just



At 10.34 03/04/00 +0200, Enzo Fogliani wrote:
>Salve.
>
>         Mi sembrano opportune alcune precisazioni sulla mia posizione sulla
>lettera di AR, per evitare fraintendimenti.
>
>         Ho affermato che a mio avviso una lettera di AR e' inutile; ma cio'
>non significa che la si puo' buttare direttamente nel cestino.
>Tutt'altro.
>
>         Per me la lettera di AR e' inutile come "Assunzione di
>responsabilita'"; ossia, non e' con la lettera di AR che uno diviene
>responsabile di quello che fa con il nome a dominio.
>
>         Al momento, invece, e' elemento indispensabile per le altre funzioni
>che svolge, ossia:
>
>1) identificazione dell'assegnatario;
>2) sua adesione alle regole di naming e alla netiquette;
>3) sua (eventuale adesione) all'arbitrato.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe