R: Piccolo Esempio :)

Pierfranco Bini bini a ITALIANWEB.IT
Mar 11 Apr 2000 12:21:49 CEST


> >A parte Griffini, (Giorgio non ce l'ho con te, anzi rispetto il fatto che
> >tu abbia delle idee e che ti batta per loro), c'e' qualcun'altro contro
il
> >"modello Fogliani" su questa lista ?
> >PerchŔ se siamo 110 contro 1 beh ehm.. magari sarebbe meglio chiudere la
> >discussione.. o no ?
>
> No, sono almeno in tre: Cotroneo per ragioni sue che ha giÓ espresso in
> numerose mail e, "last but not least" (qui, con le citazioni inglesi
stiamo
> allargandoci: vista la bachettata semantica di Fogliani?), Alex Nosenzo.
Al
> quale, da buon "suddito" come ritengo di essere, dico: gli errori si
> possono sempre emendare, e quindi se l'Assemblea NA decide che i tempi per
> l'introduzione dell'Arbitrato (assieme alla nuova regolamentazione
> prospettata coerentemente da Fogliani) sono maturi, embe', dove sta il
> problema?

Appunto, non vorrei si delineasse una situazione "x contro y" perche' non
serve a nessuno: come Enzo sa benissimo io ho appoggiato il suo notevole
lavoro sull'arbitrato fin dall'inizio, ciononostante credo che la
contrapposizione con Griffini sia uscita dai binari della produttivita'.

Credo che internamente alla NA ci si debba interrogare se l'esperienza di
questi 4 mesi non valga la pena di riconsiderare la bocciatura
dell'arbitrato da noi proposto alla fine di ottobre. Se (e solo se) si
avverte questa necessita', chiediamoci se quanto era stato proposto richieda
delle variazioni.

A chi importa realmente il come? A me basta che si operi nel quadro
normativo vigente (e su questo lascerei che a scontrarsi siano avvocati o
esperti nel settore) e che si ottenga qualcosa di rapido. Poi chiamatelo
come volete. La legge ci consente di applicare il modello WIPO alla lettera?
Se si' discutiamone, se no pensiamo a qualcosa di applicabile.
Nosenzo (il grande Nosenzo) dice che non gli piace l'arbitrato, pero'
ammette che nella peggiore delle ipotesi (costa uguale, e' ingiusto uguale)
si tratta di uno strumento piu' veloce. Non mi sembra cosi' poco...

C'e' chi dice che l'arbitrato e' un trucco per far lavorare gli avvocati che
si propongono come arbitri, che quale che sia l'esito la parte che si senta
"lesa" puo' sempre accusare gli arbitri sul piano della procedura (scusate
se lo dico cosi' male): ripeto sono questioni rilevanti, ma a me sembra
sempre meglio dei tempi biblici e dei costi elevati delle procedure
ordinarie.

Poi, visto che e' primavera, apriamo le finestre e facciamo entrare aria
nuova, e magari chiediamoci se la bocciatura dello strumento arbitrale non
sia stata favorita da qualcuno interessato a speculare sulle registrazioni,
anziche' vedere sempre e solo interessi lobbistici degli avvocati
(l'allergia del Nosenzo e' nota e quindi non mi preoccupa ;-). Non penso
assolutamente a Griffini ne' a Cotroneo, che vedo molto piu' impegnati su
questioni di principio, ma mi riferisco a chi registra dominii a palate, li
mette in vendita sul web eccetera

A me piacerebbe si arrivasse ad una serie di regole che facessero, per cosi'
dire, da filtro prima del ricorso all'arbitrato, ma capisco le difficolta'
per chi dovrebbe interpretarle (RA) e assumersene la responsabilita'.....
questo potrebbe essere oggetto di dibattito, una volta chiarito se il quadro
normativo italiano consente qualcosa di simile alle procedure amministrative
indicate da WIPO.
Propongo di partire da questo punto.

Ciao!!

Pierfranco Bini
Italian Web



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe