Nuovo ddl: Che botta! (precisazioni)

Griffini Giorgio grigio a MEDIAPOINT.IT
Gio 13 Apr 2000 22:29:42 CEST


> Griffini Giorgio ha scritto:
> > 1 - La apertura a soggetti della comunita' europea perche' per i soliti
> > problemi di "giurisdizione competente" si verificherebbe l'assurdo che
> > un soggetto italiano sarebbe punibile mentre uno francese (o belga
> > ...etc.) invece no. (ci dovremo ricomprare i domini all'estero)
>
> Una precisazione. Il DDL non prevede punizioni, ma divieti. La somma
> di 30.000 euri e' un risarcimento danni minimo (non una multa!) e la
> disputa tra danneggiato e danneggiante rimane una questione di diritto
> privato. Non ha quindi senso affermare che un francese o un belga non
> sarebbero "punibili", in quanto, a prescindere dal fatto che non si
> tratta di punibilita', firmando la Lettera di AR sono sottoposti alla
> legge ed alla giurisdizione italiana. Non solo quindi possono essere
> citati in Italia, ma possono anche essere condannati a risarcire danni
> ad un Italiano (e viceversa). Quanto al fatto di risiedere all'estero,
> non e' un problema. Ci sono da decenni convenzioni internazionali che
> consentono l'esecuzione delle sentenze civili italiane in ogni paese
> dell'Unione europea.

Grazie per la precisazione, tra l'altro questo credo introduca anche
una altra conseguenza diretta ovvero che per i nomi di genere (che
per definizione non hanno un titolare del diritto all'uso che possa
essere risarcito) tale sanzione non potra' mai essere comminata (e
quindi si ricade tranquillamente e comunque nel giochetto delle
prenotazioni ed accaparramenti per mancanza di deterrente).

Cordiali Saluti
Griffini Giorgio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe