R: Comunicato 19 e due domande

LORENZO LO VECCHIO - DIRETTORE STAFF RECORD NEWS lorenzo a STAFF.IT
Gio 10 Feb 2000 17:51:15 CET


Questa tua mail è un ottimo punto di partenza. Vorrei però scongiurare tutti
di incasinarci il meno possibile.

Non parlerei dunque di cambiare contratti o altro, ma semplicemente - ripeto
SEMPLICEMENTE- di modificare le regole in questo modo:

- si invia il modulo elettronico di richiesta del dominio. Nel modulo il
maintainer deve assumersi la responsabilità di essere in possesso della LAR
firmata dal cliente e di renderla disponibile per ogni evenienza. Se è il
caso può anche indicare un proprio numero di protocollo.
- si riceve in automatico una mail di conferma della avvenuta richiesta.
Questa mail deve essere protocollata dalla R.A. in automatico con tanto di
numero di serie che ne garantisce la priorità con data di invio ed ora di
invio.
- in una prima fase successiva (massimo 48 ore) la R.A. invia conferma della
conformità del dominio richiesto (non è già stato richiesto da altri oppure
sì con prot. n. etc. - segue o non segue le regole di naming - test del dns
ok...)
- in una seconda fase successiva la R.A. comunica l'avvenuta registrazione e
la rende nota sul data-base.

Cordiali saluti.

----- Original Message -----
From: Pierfranco Bini <bini a italianweb.it>
To: ita-pe <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Thursday, February 10, 2000 12:03 PM
Subject: Comunicato 19 e due domande


> Salve a tutti,
>     in attesa di ulteriori commenti sul verbale dell'ultima riunione del
CE,
> vorrei chiedere a tutti voi ed in particolare a coloro che mi hanno votato
> come membro del CE, un parere sulle profonde modifiche che comporterebbe
per
> l'intero sistema di registrazione la revisione dell'intero meccanismo di
> registrazione.
>
> Badate bene, e lo dico anche a beneficio degli amici della RA, che non
> intendo soffiare sul fuoco: sto solo cercando di avere un'idea precisa di
> quello che pensano i membri di ITA-PE, soprattutto quelli che rappresento,
> quelli che intervengono poco, ed anche i super polemici dai quali sarebbe
> bello avere un'idea *organica* delle aspettative per il futuro.
>
> Vorrei fosse anche chiaro che non entro nel merito degli aspetti tecnici
di
> nessuna delle ipotesi di cambiamento, ma solo degli aspetti di principio,
> partendo dal presupposto, che mi pare generalmente condiviso (anche da
WIPO,
> vero Giorgio ;-), che continui ad esistere un documento cartaceo facente
le
> funzioni dell'attuale LAR (presso la RA o anche presso il MNT)
>
> Domanda (1)
> Premesso che ora parlo a titolo personale, mi sembra che si intravedano le
> seguenti strade:
>
> a) registrazione "alla network solutions" solo per quanto riguarda il db
> NIC, mantenendo cioe' la figura del maintainer ed i relativi rapporti
> contrattuali con la RA (le RA in futuro), ma utilizzando una procedura
> puramente elettronica.
> b) registrazione "alla IT-NIC" con inversione di priorita' tra LAR e
modulo.
> c) lasciare le cose come stanno nella previsione di un assestamento dei
> tempi di registrazione.
>
>
> Domanda (2)
> Se fosse possibile per la RA certificare in qualche modo i maintainers
> (auth-pwd, pgp, firma elettronica con  RA come CA ????), questi potrebbero
> forse fare a meno di faxare o mandare le LAR, ma se ne dovrebbero assumere
> poi la responsabilita'.
> I maintainers in ascolto vogliono assumersi la responsabilita' che
> attualmente il cliente si assume con la  LAR per poi mandare una numero di
> protocollo/contratto alla RA ?
>
>
> L'ipotesi (a) comporta comunque una assunzione di responsabilita', che sia
> poi in una LAR custodita dal MNT, che sia parte del contratto tra MNT e
> cliente e' tutto da vedere. Ma e' sostanzialmente il MNT che se ne farebbe
> garante con la RA.(vedi domanda 2).
>
> L'ipotesi (b) sembra piu' facilmente implementabile, ma, a mio avviso,
> richiede modifiche quanto meno all'interpretazione del contratto RA-MNT,
> pensato per una situazione obiettivamente diversa.
>
> Parto da queste due domande, e spero di vedere pareri di molti colleghi:
> personalmente (membro di ITA-PE non membro CE) mi sto convincendo per
> l'ipotesi (a), che mi sembra piu' pulita  e che qualifica in un certo qual
> modo il maintainer.
>
> Credo pero' che anche e  soprattutto in questo caso si debba rivedere il
> contratto RA-MNT.
>
> Anche alla luce di quanto riportato nel verbale del CE, vorrei sentire dei
> pareri dalla lista, corredati magari da ulteriori proposte.
>
>
> Ciao e buon lavoro
>
> Pierfranco Bini
> Italian Web
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe