R: R: Contratti, FAX e dintorni

9 NET AVENUE - Hostmaster hostmaster a 9NETAVE.IT
Sab 12 Feb 2000 11:00:55 CET


Ciao a tutti,

Sono d'accordo !!
è sicuramente una semplificazione della "croce" che i MNT devono portarsi !

Ottima idea !

Ciao

P.S: Continuiamo così, magari il NIC o la RA potranno, sulla base delle ns idee, pubblicare
una nuova regola di naming che NON preveda più l'invio delle AR... sarebbe fantastico !

       Mauro Cappuccio
         Hostmaster
    hostmaster a 9netave.it
********************************
   9NetAvenue Italia S.p.A.
       www.9netave.it
Tel. 039/699901 fax 039/69990229


-----Messaggio originale-----
Da: owner-ip-nsp-ita a NIC.IT [mailto:owner-ip-nsp-ita a NIC.IT]Per conto di
Alfredo E. Cotroneo
Inviato: sabato 12 febbraio 2000 8.48
A: ITA-PE a NIC.IT
Cc: IP-NSP-ITA a NIC.IT
Oggetto: Re: R: Contratti, FAX e dintorni


Ciao,

Mi piace la tua proposta a) e la tua puntualizzazione :

At 08:59 11/02/00 +0100, LORENZO LO VECCHIO - DIRETTORE STAFF RECORD NEWS
wrote:
>Voglio solo ribadire che se, come tu dici, la LAR via fax è l'unico
>documento possibile, vale la pena che essa risieda presso il maintainer e
>non presso la R.A., assumendosi il maintainer la responsabilità del suo
>deposito e della firma del cliente.

Mi sfugge ancora pero' perche' al mondo (e nella UE) sia soltanto il ns
sistema di registrazioni (RA) che chieda un contratto scritto ai
maintainers per una somma cosi' irrisoria (20-30 k Lire) e soprattutto un
altro contratto (LAR) all'assegnatario! D'accordo sulla questione che la
firma con valore legale e' quella su una lettera o fax, MA non e' questo il
punto:

==> e' davvero necessario un contratto per una somma cosi' irrisoria ?
Forse qualche legale o la RA puo' chiarire il motivo di questa richiesta ?

Ad esempio, quando percorro un tratto autostradale in concessione, acquisto
un biglietto che mi da' diritto al transito sull'autostrada a pagamento, ma
non per questo debbo firmare un contratto con la societa' Autostrade per
sollevare la stessa in caso di incidente o altro danno che mi occorresse
durante il transito.

Anche nel nostro settore (Accessi Internet o servizi resi da
Infostrada/Libero/Telecom ecc.) mi e' capitato  di accettare un contratto
"on line" o richeidere un servizio aggiuntivo al telefono, senza dover
firmare alcunche'.

Comunque, elaborando sulla proposta a) di Lo vecchio, in cui la LAR
(eventualmente) rimanga al maintainer, mi chiedo se possa esistere una
ulteriore semplificazione di tutta la procedura LAR :

Ad esempio:  il "cliente" chiede l'assegnazione del dominio e firma una
lettera annessa al contratto di servizio con il maintainer, che rimane al
maintainer, e che piu' o meno recita:

"Al Maintainer PINCO-MNT

Il sottoscritto per conto di ____________ chiede attraverso il maintainer
PINCO-MNT l'assegnazione del nome a dominio XXXXX.it

Il sottoscritto si obbliga inoltre a fornire direttamente alla Registration
Authority ogni documento che questa richieda a termini di legge entro il
termine massimo di N giorni, consapevole del fatto che qualora questo
obbligo non venga soddisfatto la Registration Authority sospendera' il
dominio XXXXX.it, sollevando il maintainer PINCO-MNT da ogni responsabilta'
in merito.

Firma
(ruolo :-) ) "

Questo e' un testo semplice e  breve che rimane al maintainer e che tutti i
"clienti" possono capire, anche quelli stranieri :-) Analoga lettera
dovrebbe essere inviata dall'assegnatario del dominio in caso di cambio
maintainer e tenuta dall'ultimo maintainer che ha in gestione il dominio.

Tale testo potrebbe eventualmente essere trasmesso alla RA nel caso
l'assegnatario del dominio non ottemperi al suddetto obbligo e
permetterebbe alla RA di "staccare" il dominio a cuor leggero. Meglio se la
RA non avesse necessita' di alcuna carta/contratto scritto, se non la
dimostrazione di appartenere ad una delle categorie autorizzate alla
assegnazione in uso del dominio.

===

In sintesi : penso sia utile aiutare la RA ad accelerare le pratiche,
evitando di gestire la carta, ma se la carta imposta dalla RA deve essere
gestita da parte del provider dovrebbe anche essere corrisposto al
maintainer un "quid" al maintainer da parte della Registration Authority
per la gestione amministrativa, sotto forma di un ulteriore sconto sul
costo di registrazione.

L'altro giorno, ad esempio,  mi sono stupito di apprendere che per gli
associati (alias maintainers) di nic.UK il costo di registrazione dei
domini .uk sia 5 sterline (circa Lit 15,000) ogni due anni, ovviamente
senza alcuna carta da sottoscrivere sia per l'associzione, sia per la
registrazione dei domini. Tutto on-line, ovviamente ;-).

Saluti e buon lavoro.

Alfredo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe