Grauso ha toppato: Ecco cosa fare...

Mauro Meli mgm a BNS.IT
Ven 18 Feb 2000 23:06:26 CET


..  finalmente, in mezzo a mille messaggi contro la ra,
un messaggio corretto, di cui condivido largamente il contenuto:

a questo punto occorre subito agire in due direzioni:

1) verificare se le registrazioni di nome a dominio effettuate da polis
srl sono irregolari, come sostenuto da piu' persone,
nel caso siano irregolari chiudere revocare immediatamente
i nomi a dominio, diversamente tacere per sempre:
2) per il CE : sarebbe forse opportuno porre qualche limite ai
domini registrabili da una azienda ?? (anche se i buoi sono
oramai scappati )

Penso proprio che marcheonline , tiscali, exposerver non
possano essere considerati colpevoli di nulla ... hanno operato
in una pura logica di business e come tale assolutamente normale,
visto che non esistono regole contrarie.

Ma perche' la ra ha taciuto ??? il ce sapeva ???
ma perche' nessuno mi ha ascoltato quando dicevo che il problema
non era la ra, e citavo dei dati precisi ?
Cosa e' stato fatto per evitare questo "sputtanamento" ??
Chi poteva fare qualcosa perche' non ha agito ??
Non e' il caso che qualcuno ci fornisca delle giustificazioni ??
Non e' il caso che chi ha sottovalutato i danni cosi' arrecati
debba prendere atto di avere sbagliato e dare immediatamente
le dimissioni dal CE ??

Ecco i miei due messaggi del 15 gennaio 2000.

Messaggio n 1

".. spulciando il file dei nomi a dominio registrati aggiornato al
12/01/2000
ho trovato che una certa Polis srl di Olbia ha registrato finora circa 2000
nomi a dominio a mezzo di tre diversi mantainer ..."

Messaggio n 2
"ecco qualche esempio di cosa e' successo
in meno di un mese di "deregulation" di domini,
da una nostra analisi di tre giorni fa ..

XXXX-MNT da circa 2500 a 4170 domini
YYYY-MNT da circa 7 a 1682 domini
WWWW-MNT da circa 35 a 888 domini
ZZZZ-MNT da circa 40 a 919 domini

ho volontariamente "censurato" i nomi perche' i nomi non hanno
alcuna importanza, quello che conta sono solo i numeri :
5.000 domini registrati in meno di un mese da 4 mantainer ...
se consideriamo gli altri ci si rende conto del "massacro" ..
... ma su questo sono sicuro che a breve potremo avere dati
piu' precisi dalla RA stessa.

in queste condizioni non possiamo quindi lamentarci
troppo del lavoro della RA; sono invece stupito del fatto che
si voglia attaccare a tutti i costi la RA, anziche'
supportarla nel lavoro impegnativo che si trova a dovere
affrontare ..."

Cordiali saluti

Mauro Meli
Business Network Service
http://www.bns.it



----- Original Message -----
From: "Griffini Giorgio" <grigio a mediapoint.it>
To: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: 18 February, 2000 10:22 PM
Subject: Grauso ha toppato: Ecco cosa fare...


> Se l'inattivita' della societa' alla data di registrazione e' accertata
> allora si puo' agire nel seguente modo:
>
> Invitare il CE a segnalare con urgenza alla RA la necessita' di
> acquisire e verificare la documentazione relativa alla/e societa' del
> caso in ogggetto.
> La RA esamina la visura e se riscontra cio' che dice Nosenzo
> assimila la societa' inattiva al "privato" e revoca tutti i domini
> successivi al primo registrati in periodo di "inattivita''"
>
> A mio parere Nosenzo sbaglia nel chiedere la revoca dei Maintainers
> che hanno contribuito alla operazione perche' nel caso delle
> registrazioni il Maintainer non e' tenuto verificare la validita' delle
> richieste (puo' farlo a sua discrezione per evitare ritardi o inghippi)
> e se queste richieste di revoca si vogliono intendere come sorta di
> "punizione" beh, credo che basti la fattura della RA (che va pagata
> indipendentemente dal fatto se un dominio viene poi revocato.
> Saranno poi problemi di tali maintainers farsi pagare da Grauso le
> registrazioni di nomi a dominio che sono stati revocati....(mi viene da
> ridere...)
> Nel frattempo pero' e' assolutamente necessario introdurre nelle
> regole il "mandatory administrative proceeding" con le stesse
> formulazioni di ICANN e WIPO ovvero invocabile solo per i casi di
> squatting conclamato (i criteri sono enunciati nelle formulazioni di
> ICANN e WIPO)
>
> Alla fine del processo avremo "l'accaparratore" con un po' di domini
> in meno e qualche maintainer che si e' prestato un po' "allegramente"
> a tale tipo di operazioni in serie difficolta a riprovarci di nuovo con
> buona pace degli altri maintainer, delle istituzioni, della NA, della RA,
> dei registranti tutti... e anche di Nosenzo... (scusami, ma ci stava
> d'un bene....:)
>
> Cordiali Saluti
> Griffini Giorgio
>
>
> e-Mail: grigio a mediapoint.it
> e-Mail: griffini.giorgio a enel.it
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe