Grauso ha toppato: Ecco cosa fare...

Stefano Trumpy Stefano.Trumpy a IAT.CNR.IT
Lun 21 Feb 2000 16:47:31 CET


Alessandro Nosenzo aveva detto in risposta a Mauro Meli:
> Vedi concordo con quanto esposto e credo che la RA non possa essere
>accusata, per quanto sappiamo, di alcuna omissione.
>In effetti le regole fatte da noi non tenevano conto del fatto che ci sono
>persone adulte convinte di poter aggirare le norme approfittando di altre
>norme. Per quello che riguarda i maintainer coinvolti mi auguro che
>abbiano soldi a sufficienza a pagare i servizi di cui hanno usufruito e
>non si debba sempre ribaltare sulla collettivita' il costo di questi
>giochetti.
>Tuttavia mentre trovo l'idea di registrare quella quantita' di dominii una
>semplice follia e quindi rispettoso del diritto alla liberta' di ciascun
>individuo posso giustificare chi a chiesto la registrazione di tutti
>questi dominii.
>Quello che invece non posso accettare e che Maintainer professionisti e la
>RA abbiano lasciato fare senza la minima resistenza.
>Perche' mi chiedo il dominio bambinidisatana.it e' stato "scoraggiato" o
>il dominio fiat.it e' stato segnalato alla Fiat ed invece i sacchi di LAR
>ricevute non hanno suscitato il minimo dubbio.

Pocihe' fui io a citare questo caso nella riunione di Bologna dell'ottobre
scorso, e se ricordate, sono stato ripreso da alcuni garantisti convinti
(Nosenzo in testa), vi faccio qui delle considerazioni pratiche: quando si
registravano i due domini sopra citati, l'afflusso di richieste di nomi
oscilllava tra le 100 e le 200 per giorno, una quantita' ancora gestibile
con tempo sufficiente per soffermarsi sul merito, se pur mantenendo quelle
caratteristiche di imparzialita' che ci hanno sempre contraddistinto; se
alcuni interventi sono stati fatti, questi sono stati indirizzati ad
evitare grane pressoche' sicure.
Ora, nella situazione attuale, nella quale il flusso di richieste e'
accresciuto di un ordine di grandezza, si capisce che, pur avendo
sensibilmente incrementato il personale dedicato, non e' piu' pensabile un
controllo preventivo nel merito, quando le regole di naming non indicano
nulla in questo senso. Ho avuto recentemente contatti con i colleghi
tedeschi che, nell'ultimo mese hanno registrato 170mila nomi, cioe' di piu'
di quanti nomi ci sono oggi nel nostro data base; bene, loro considerano i
nomi come stringhe di caratteri  e registrano tutto quello che viene
richiesto, purche' ovviamente ci siano i dati necessari; loro affermano
che, in presenza di un flusso di richieste di quel tipo, e' impensabile di
fare controlli nel merito della semantica del nome e che la LAR deve
ribaltare chiaramente sull'utente la responsabilita' della scelta del nome.
Concludendo, non si puo' certo incolpare la RA di non aver preso misure per
impedire i vistosi problemi di accaparramento, e non solo, che si sono
verificati. Le misure per limitare l'accaparramento ed altri fenomeni
sconvenienti devono venire da altra fonte.
Stefano Trumpy


 Se anche e' lecito inviare tutte le email che ogni nostro cliente desidera
cosa pensate che capiterebbe se un nostro utente decidesse di inviare
500.000 email al giorno magari con 2 Mb di file allegato?
>Siccome puo' anche esserci un estroso (un grande estroso) che decide di
>registrarsi tutti i nomi a dominio secondo una sua logica (credo abbia
>preso i cognomi dagli albi professionali e gli altri nomi in base a
>stravaganti idee di marketing) cio' che non accetto e' che sia i
>Maintainer che la RA coinvolte nella vicenda siano cosi' tonti da non
>essersi resi conto di quello che accadeva. Mi spiace ma non ci credo, i
>tizi erano tutti ben consapevoli di quello che stavano facendoe, da
>esperti della rete quali sono, non potevano non capire le conseguenze
>delle loro azioni. E qui la posizione cambia drammaticamente fra RA e
>Maintainer. Infatti mentre la RA opera in regime di monopolio con obbligo
>quindi di stipulare il contratto i maintainer possono invece rifiutarsi di
>effettuare registrazioni.
>Per questo mi sono risentito giustamente verso i maintainer che hanno
>partecipato all'iniziativa i quali non posso offerndere la nostra
>intelligenza facendoci credere che non avevano capito (intanto che
>caricavano le LAR con il muletto):)))Inoltre i Colleghi Maintainer per
>essere credibili dovrebbero almeno dissociarsi da questa orribile
>iniziativa che ha turbato persino la Presidenza del Consiglio dei Ministri
>ma non ha suscitato la minima emozione in loro.
>Forse la fatturina della RA li fara' emozionare ma cio' non risolve il
>vero problema.
>Ai miei occhi esce malissimo la NA ed il rischio e' che venga esautorata
>dall'Aurita' perche' in effetti l'abuso delle norme emanate ha consentito
>questo sfascio. La RA riflettendoci ne esce meglio di tutti perche' in
>fondo anche se con gli occhi un po' bendati non ha fatto altro che
>applicare le regole.
>Adesso l'autore di questo disastro dichiara ai giornalisti che la sua e'
>stata una provocazione e che in cambio di "riscatto" e' disposto a cedere
>il dominio.
>Con frasi simili riportate dal giornalista fra virgolette forse penso che
>abbiamo semplicemente dato troppa importanza al soggetto che credo che in
>realta' sia completamente partito e quindi non meriti la minima attenzione.
>Saluti.
>
>Alessandro Nosenzo

****************************************************************************
 Stefano Trumpy
 Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
 Istituto per le Applicazioni Telematiche (IAT)
 Via V.Alfieri, 1
 56010 Ghezzano (Pisa) Italy

phone: +39 050 588 112 (or 634)  mobile: +39 335 373423 fax: +39 050 588113
e-mail: Stefano.Trumpy a iat.cnr.it          http://www.iat.cnr.it
****************************************************************************



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe