Ossessioni e commenti

Enzo Fogliani fog a NEXUS.IT
Lun 21 Feb 2000 09:14:02 CET


Griffini Giorgio ha scritto:
>
> (BREVE PARENTESI OSSESSIVA)
>
> Vedo che solo ora si paragonano i problemi che ci sono nel campo
> della registrazione dei nomi a dominio ad analoghe problematiche nel
> campo dei marchi....
> Cosa sara' mai successo ?

Nessuno lo ha mai ignorato o negato. Semplicemente, non e' compito
della NA fare (o meglio, duplicare) leggi sulla tutela dei nomi, dei
marchi, della proprieta' industriale, che gia' esistono.

> Nelle nostre regole si sono abbastanza bellamente ignorate le
> indicazioni della massima autorita' mondiale sul tema...
> la World Intellectual Property Organization (WIPO) con sede a
> Ginevra che ha "casualmente" preparato un report di 170 pagine tra
> body e allegati dal titolo "THE MANAGEMENT OF INTERNET
> NAMES AND ADDRESSES: INTELLECTUAL PROPERTY ISSUES".
> (e se qualcuno se lo ricorda.. anche con il nostro contributo...)
>
> Ma a noi non interessa proprio vero ?

Direi proprio di no. Al Wipo ci siamo andati, siamo intervenuti e
abbiamo valutato quello che c'era da valutare. Le nostre regole sono
molto vicine alle raccomandazioni del WIPO.

> C'e' una sostanziale differenza ... il marchio e' "protetto" da leggi
> nazionali e da adesioni reciproche a trattati internazionali...
> per i nomi a dominio invece non v'e' una legislazione cosi' evidente.

Se non c'e', non dipende dalla NA. La NA deve fare le regole di
assegnazione dei domini, non di protezione dei marchi.

> Certo, e' comunque il mercato a fare giustizia... ma se cio' deve
> significare non introdurre delle regole a maggior tutela di chi ha
> maggior diritto a registrare un nome a dominio senza dover ricorrere
> a soluzioni "giudiziali" della magistratura ordinaria... sopratuttto in
> Italia....mi sembrerebbe invece un atto dovuto... non un disturbo.

Se con "disturbo" intendi che il Ce non ha voglia di lavorare e di
fare le norme che invochi, ti assicuro che non e' cosi'. Quanto alle
soluzioni "giudiziali", per quanto la legge sia fatta bene sempre dal
giudice si deve andare se qualcuno la viola. Sempre per restare nel
campo dei marchi, se qualcuno violasse il tuo (se ne hai uno) che
altro potresti fare se non andare dal giudice?

> Nella attuale situazione se il soggetto che vuole fare valere il proprio
> diritto puo' solo ricorrere alla magistratura - scusate i termini - allora
> gli cascano le braccia (o peggio)  e rinuncia.... infatti credo che pochi
> soggetti siano cosi' determinati da sopportare un procedimento civile
> di almeno 3-4 anni....

A parte il fatto che il CE aveva proposto l'arbitrato obbligatorio,
osservo che per *ogni* diritto violato e' cosi'. Quindi, se il privato
non ha voglia di andare in causa, vuol dire che la cosa non gli
interessa poi cosi' tanto.

> BURP (ahem.. scusate.. ma ho mangiato la foglia) .
> OK...Allora lasciamo le cose cosi' come stanno in modo che le
> possa *finalmente* sistemare almeno un po' meglio qualcun'altro...

No comment.

> Se lo si vuole veramente si puo' utilizzare lo strumento delle "norme
> transitorie" fintanto che la situazione non diventi davvero "normale"....
> Se pero' non si intende fare nulla ...
> ....si fa anche prima.... basta fregarsene...(e funziona...)

Sin'ora non mi sembra che le norme transitorie suggerite siano
particolarmente valide, e per questo suggerivo una valutazione
ponderata, per evitare di "chiudere la stalla quando i buoi sono
scappati" e basta.

Cordiali saluti,

        Enzo Fogliani.


--
----------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani                         Tel.:  +39-06-35346935
via Prisciano 42                           Tel.:  +39-06-35346975
00136 Roma RM                              Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/studio                   E-Mail: fog a nexus.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe