R: R: Assemblea NA

Gian Luca Mattu mattu a CGI.INTERBUSINESS.IT
Mer 23 Feb 2000 08:29:50 CET


A cosa serve e quale č il compito di un maintainer attualmente ???
Risposta:
 fare i doppi, tripli salti mortali per registrare due domini
 e  beccarsi insulti e minacce di denuncia (?)
 dopo il papocchio creato con la liberalizzazione becera
 delle registrazioni.
Sono stato costretto anche io a consigliare ai clienti pių esperti
di inviare le lettere AR direttamente al fax della RA, sempre che non vi
abbiano rinunciato per registrare nomi sotto altri tld ( anche .NU)

Ho letto varie proposte in lista alcune interessanti, altre meno.
A questo punto facciamo lavorare il CE su delle proposte serie
e finiamola di parlarci addosso senza cavarne un ragno dal buco.
Non ritengo utile un assemblea a breve, c'č il CE, vediamo di essere
pių costruttivi, non mi pare che questa lista sia dedicata al concorso
"Scopri l'oratore pių bravo tra i maintainer italiani" :)))
(sono aperte le iscrizioni)

___________________________________________

Gian Luca Mattu

Telecom Italia S.p.A.
MI.T.CC.CNA-CGI
Via Oriolo Romano, 257 00189 ROMA
tel +39.06.36879293 sel.4
fax +39.06.36879182
mattu a cgi.interbusiness.it

-----Messaggio originale-----
Da: owner-ita-pe a NIC.IT [mailto:owner-ita-pe a NIC.IT]Per conto di
Alessandro Nosenzo
Inviato: Monday, February 21, 2000 12:44 PM
A: ita-pe a NIC.IT
Oggetto: Re: R: Assemblea NA


At 10.36 21/02/00 +0100, Bruno Piarulli wrote:
> > -----Messaggio originale-----
> > Da: Mauro Meli
> > Inviato: lunedė 21 febbraio 2000 10.06
> >
> > Colgo l'occasione del messaggio inviato da Bruno per segnalare la
> > necessita'
> > di limitare l'invio delle lettere di AR ai soli mantainer. Infatti
durante
> > il periodo
> > "ciritico" ci siamo trovati in condizione di ricevere decine di messaggi
> > di conferma di fax di lar per domini di cui non eravamo al corrente,
> > di cui il cliente non ci aveva inviato ordine (non sapevamo nemmeno chi
> > inviava i fax )
>
>Beh, questo per noi sarebbe un po' "scomodo", nel senso che facciamo
spedire
>la lettera di AR ai clienti, cosi' come previsto dalle norme e procedure, e
>credo di poter dire che sarebbero della mia opinione anche tutti gli altri
>maintainer che prendono ordini online (es. tiscali, dada, ecc.)
>
>Pero', se la lettera AR "seguisse" il modulo (come proposto nella mia mail
>precedente) invece che precederlo come ora, allora gli inconvenienti che
>segnali non dovrebbero piu' verificarsi, giusto? Inviare lettere di AR
senza
>che il MNT abbia gia' inviato il modulo non servirebbe a niente, tutto al
>piu' ad intasare il fax (ah, ah, buona questa :-).

Non voglio attaccare nessuno ma il problema toccato e' di una certa
rilevanza.
Infatti a cosa serve un Maintainer se non svolge alcuna attivita' oltre che
il billing al cliente in termini di garanzia per la RA.
Se il Maintainer e' in qualche modo garante verso la RA e magari se deve
applicare delle regole o leggi che presto verranno approvate sul divieto di
accaparramento (gia' la lettera della PCM da' degli ordini, che forse non
potrebbe dare, e che comunque non si capisce come potrebbero essere
eseguiti in relazione ai dominii di persone fisiche) allora ha una funzione
utile, altrimenti a cosa serve?
In sostanza ogni Maintainer dovrebbe in qualche modo filtrare non solo
l'aspetto economico (con rischio a suo carico purtroppo) ma anche l'aspetto
formale e di legittimita' della registrazione.
In sostanza la mia proposta maggiore potere ai Maintainer (e maggiore
responsabilita') ma che i Maintainer siano anche garanti verso i terzi e la
RA di eventuali accaparramenti e simili.
Altra modifica che credo sia da fare al piu' presto anche visto che e'
raccomandata dal 1996, e' il pagamento contestuale delle registrazioni da
parte dei Maintainer, questo evita problemi prima di tutto alla RA.
Per il resto, dopo l'euforia del momento, credo che il caso Grauso sia
ridimensionato perche' dopo aver pagato il primo anno di registrazione al
Maintainer (il quale dovra' fatturare una cifra maggiore rispetto a quella
pagata alla RA se non vuole destare sospetti) e dopo aver scoperto che a
nessuno interessano i nomi a dominio registrati, credo che non si correra'
il rischio di pagare anche il rinnovo e quindi i dominii verranno
abbandonati come furono abbandonati i marchi giustamente citati da Fogliani.
Per la convocazione di assemblea vale quindi lo stesso concetto di calma e
sangue freddo il CE puo' fare bene, come ha fatto sinora, senza necessita'
di assemblea (questa almeno e' la mia opinione).
Saluti.



Alessandro Nosenzo - Business Idea.it Srl
Via Cortelonga, 14/a - 20052 MONZA MI
Tel. +39039320191 Fax +390392302955



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe