Precisazione sulle lettera di AR e sulla reizione della richiest

Stefano Cecconi - TechNet I.S.P. webmaster a TECHNET.IT
Mar 4 Gen 2000 14:37:32 CET


> Si tratta di una interpretazione a mio avviso non corretta. Dire che
> la procedura inizia quando si riceve la lettera di AR non significa
> affatto dire che le lettere in cui una virgola e' diversa dal modello
> della RA vengono respinte.

E due. Anche un altro avvocato ha letto le regole e mi ha detto :

1) La lettera era compilata? SI
2) La lettera era firmata ? SI

Allora avevi 10 giorni di tempo per correggere il tuo errore. (punto)

Inoltre, dato che Fogliani  di un parere (concorde con Cristina Ruggieri),
mentre il pensiero di Allocchio e Vannozzi  diametralmente opposto,
non viene spontaneamente da pensare che c' qualcosa che non quadra?
Sarebbe opportuno definire la questione e se la norma non  chiara,
renderla limpida. Se io procedo contro la R.A. e vinco viene a crearsi un
precedente che farebbe nascere diversi casini no? E guardate che questo
mi interessa ben poco...  peggio per la R.A. e basta. Voglio aggiungere
anche un altro particolare : il motivo di rifiuto della lettera era :
"manca il ruolo del firmatario", ma il ruolo era chiaramente specificato!

"Il sottoscritto  XXXX TITOLARE..... ecc.ecc."

XXXXX
firma

Dato che era chiaramente specificato che XXXX era il titolare e che la firma
era di XXXX come si pu dire che manca il ruolo del firmatario?

Saluti a tutti.
====================================
Stefano Cecconi webmaster a technet.it
Technorail s.r.l. Servizio TechNet
TECHNORAIL-MNT Autorizzazione n473
http://www.technet.it http://www.spazioweb.it
====================================


----- Original Message -----
From: "Enzo Fogliani" <fog a nexus.it>
To: "Daniele Vannozzi" <Daniele.Vannozzi a IAT.CNR.IT>
Cc: <ita-pe a na.nic.it>
Sent: Tuesday, January 04, 2000 1:00 PM
Subject: Re: Precisazione sulle lettera di AR e sulla reizione della
richiest


> Daniele Vannozzi ha scritto:
> >
> > Ritengo opportuno porre all'attenzione di tutta la lista ITA-PE la
> > posizione della RA relativamente alle lettere di AR definite
> > "incomplete".
> > Le procedure di naming dicono:
> >
> > *************** Procedure ON ********
> > (...omissis...)
> > > ********** Procedure OFF ***************************
> > Da cui si evince che:
> >
> >         - le lettere di AR devono essere complete e se non lo sono
> >           devono essere scartate e respinte immediatamente al momento
> >           dell'invio della notifica di ricevimento e del loro
inserimento
> >           nel DB dei domini in corso di registrazione, essendo le
lettere
> >           di AR l'elemento che determina  la priorita' sull'assegnazione
> >           di un nome a dominio.
>
> Si tratta di una interpretazione a mio avviso non corretta. Dire che
> la procedura inizia quando si riceve la lettera di AR non significa
> affatto dire che le lettere in cui una virgola e' diversa dal modello
> della RA vengono respinte.
>
> Tanto piu' che esiste una norma specifica che indica tassativamente
> come e quando puo' essere rifiutata la richiesta di un nome a dominio;
> norma che sarebbe perfettamente inutile se l'interpretazione fosse
> quella seguita dalla RA.
>
> >           I dati che debbono essere inseriti nelle lettere di AR sono
> >           riportati, per ciascuna "categoria", nel punto 1.2 delle
> >           procedure di naming;
>
> Ma non c'e' scritto da nessuna parte che se ne manca qualcuno dei dati
> o la
> lettera non e' compilata correttamente il nome a dominio viene
> rifiutato.
>
> >         - Per cui quando al punto 2.4 b) delle procedure si parla di
> >           reiezione della domanda e dei 10g entro i quali il maintainer
> >           puo' apportare le correzioni richieste, ci si riferisce ad una
> >           non congruenza tra lettera di AR e moduli entrambi completi e
> >           "presumibilmente corretti" perche' gia' precedentemente
> >           verificati (manualmente le lettere di AR ed in automatico
> >           i moduli tecnici).
>
> Da nessuna parte e' scritto che i dieci giorni e l'art. 2.4 valgono
> solo per incongruenze fra modulo e lettera. E' una deduzione del tutto
> priva di fondamento normativo.
>
> Penso che un qualunque magistrato che legga le norme, per quanti
> sforzi faccia non riesca ad arrivare alla interpretazione della RA.
>
> >           In altre parole le eventuali correzioni vengono richieste solo
> >           al momento in cui vengono verificati in modo incrociato i
> >           dati contenuti nel modulo tecnico e nella lettera di AR.
>
> Non e' quello che dicono le norme e le procedure tecniche. Neppure il
> controllo incrociato e' esplicitamente previsto dalle norme. Dedurre
> che un termine generale si riferisce ad una fattispecie che non e'
> neppure prevista esplicitamente, e non si riferisce invece a una
> fattispecie espressamente prevista non mi sembra corretto.
>
> > Ci tengo a precisare inoltre che "l'interpretazione" da me sopra
> > riportata e' stata lungamente dibattuta nel CE della NA con il preciso
> > scopo di eliminare completamente dei "domini sospesi" per
> > inprecisioni/incompletezza della lettera di AR, soprattutto dopo che
> > questa e' divenuta l'elemento che determina la priorita' nella
> > registrazione di un dominio nel TLD .it.
> > Sono certo che anche altri componenti del "vecchio CE della NA" possono
> > confermare senza problemi quanto sopra riportato.
>
> Io non lo posso confermare. Anzi, a mio avviso e' vero proprio il
> contrario. Il problema dell'accaparramento o dei
> domini sospesi, che e' stato pure discusso, non ha niente a che fare
> con il concedere 10 i 10 giorni. Altrimenti, lo stesso discorso
> varrebbe per le fattispecie in cui i 10 giorni sono concessi.
>
> > L'operato della RA e' quindi conforme alle regole e procedure di
> > naming e attuato nella tutela degli interessi di chi richiede un
> > nome dominio nel TLD .it.
>
> Ho seri dubbi su quanto sopra.
>
> > Saluti,
> >
> >                         Daniele Vannozzi
> >
>
> Saluti,
>
>         Enzo Fogliani.
>
> --
> ----------------------------->>>  <<<--------------------------
> Avv. Enzo Fogliani                         Tel.:  +39-06-35346935
> via Prisciano 42                           Tel.:  +39-06-35346975
> 00136 Roma RM                              Fax:  +39-06-35453501
> http://www.fog.it/studio                   E-Mail: fog a nexus.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe