Precisazione sulle lettera di AR e sulla reizione della richiest

Cristina Ruggieri cxr a INET.IT
Mar 4 Gen 2000 15:40:09 CET


Claudio.Allocchio a ELETTRA.TRIESTE.IT said:
> Se vi ricordate, ero presente a quella riunione del CE in cui si e'
> discusso della cosa.

> Quello che afferma Daniele e' esattamente quello che e' stato deciso
> in quella riunione.

Non concordo assolutamente.

Claudio.Allocchio a ELETTRA.TRIESTE.IT said:
> C'e' scritto "debitamente compilata e firmata". Questo significa che
> se c'e' QUALSISI tipo di errore, omissione, modifica nel testo
> rispetto al modello predisposto dalla RA, la lettera NON e' valida e
> quindi la procedura di registrazione NON parte.

Claudio, la forma "debitamente compilata e firmata" e' un compromesso cui
si era giunti dopo ampia discussione tra chi - come la sottoscritta - voleva
che ci fosse scritto lettera e basta e chi invece voleva che ci fosse scritto
"corretta".
Il compromesso era stato raggiunto proprio per evitare di accettare come
lettere
di AR anche dei semplici foglietti con scritto "voglio il dominio xyz" senza
nessun dato di rilievo, e contemporaneamente evitare di rifiutare lettere
con errori formali, facilmente corregibili.

Tra l'altro, l'attuale scelta della RA di verificare formalmente la lettera
prima di accettarla e' cio' che sta rendendo lentissime le procedure di
accettazione delle lettere. Infatti, una cosa e' verificare che una lettera di
AR abbia una firma e richieda un dominio, un'altra e' verificare che sia
formalmente  corretta.

Claudio.Allocchio a ELETTRA.TRIESTE.IT said:
> So facendo MOLTO il pignolo, ma questa e' la sola metodologia che non
> lascia lacuna discrezionalita' alla RA. La RA DEVE comportarsi come un
> computer programmato con un programmino estremamente banale:

La procedura che descrivi e' del tutto arbitraria. Le regole dicono
ESPLICITAMENTE che i controlli formali, sintattici e semantici vengono
fatti quando la RA ha in mano sia la lettera che il modulo.

Le procedure, come le avevo intese io erano le seguenti:
- invio della lettera
- la RA notifica che la lettera e' arrivata e mette un time-stamp (come
  faceva prima delle nuove regole).
- Entro 10 giorni il mantainer completa la documentazione, inviando il
  modulo e configurando i DNS
- Ricevuta tutta la documentazione la RA fa le verifiche formali etc etc

Claudio.Allocchio a ELETTRA.TRIESTE.IT said:
> Purtroppo il "meno rigida" significa "discrezionale", e quindi
> "pericolosamente fallibile" a seconda di fattori molto umani, compreso
> l'umore del momento di chi legge la lettere, la simpatia/antipatia del
> nome richiesto, l'amicizia o meno con il richiedente etc...

Claudio non e' cosi'. Le procedure dicono chiaramente che qualsiasi lettera di
AR compilata secondo lo schema fornito dalla RA e con una firma in calce  deve
essere accettata. Non vedo dove sta la discrezionalita'.

Cristina Ruggieri



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe