Richiesta formale al CE [2000/01]

Maurizio Codogno mau a BEATLES.CSELT.IT
Mer 5 Gen 2000 18:09:36 CET


Ai sensi dell'articolo 16 dello statuto, comunico che il CE ha
ricevuto da Bruno Piarulli <piarulli a got.it> una richiesta formale
di modifica alle "procedure tecniche di Registrazione", qui sotto
riportata.

Come da statuto, il CE e` tenuto a dare una risposta ufficiale in una
data compresa tra il 15 gennaio e il 4 febbraio 2000.

Maurizio Codogno, direttore del Comitato Esecutivo della Naming
Authority Italiana

==================================

RICHIESTA FORMALE AI SENSI DELL'ART.16 DELLO STATUTO

Note introduttive:
- questa richiesta formale non e' tutta "farina del mio sacco", ma riprende
idee e suggerimenti gia' circolati in lista; quindi, pur assumendomi la
responsabilita' formale della richiesta che segue, sono disposto a
riconoscerne la "paternita' morale" ad altri :-)
- la mia proposta **non** risolve tutte le problematiche "tecniche" e di
eventuali modifiche alle procedure di controllo; altre persone piu'
competenti, ad esempio la R.A. stessa, sapranno suggerire soluzioni adeguate
se il CE e la NA accoglieranno la richiesta
- la numerazione suggerita **non** e' da intendersi completa e/o sostitutiva
di quella attuale, ma e' indicata ai soli fini di facilitare la lettura
della richiesta


-----------------------------------------------------------------
RICHIESTA FORMALE ON
-----------------------------------------------------------------
Io sottoscritto Bruno Piarulli membro della Naming Authority chiedo al
Comitato Esecutivo la modifica delle procedure tecniche di registrazione
secondo quanto qui esposto:

1) il provider/maintainer invia il modulo debitamente compilato, iniziando
la procedura di registrazione.

2) la RA, eventualmente con procedura automatica, verifica la correttezza
del modulo, verifica le entry person, verifica la correttezza dei DNS, e se
l'esito e' positivo inserisce il nome a dominio nel RNA indicando nel campo
"mnt-by" il valore: "REQUESTED DOMAIN", con la relativa data di inserimento.
Il buon esito o il cattivo esito delle verifiche vengono comunicate al
provider/maintainer.

**** nota: in questa fase **non** e' previsto che la RA "inserisca nei
nameserver o DSA le deleghe autoritative per il nome a dominio, ne' tutte le
altre registrazioni tecniche necessarie per il funzionamento dei relativi
servizi" (cfr. procedure attuali)

3) entro 10 giorni lavorativi il richiedente o il provider/maintainer devono
inviare alla RA, anche via fax, la lettera di AR, debitamente compilata.

4) la RA verifica la correttezza formale della lettera di AR, ne verifica la
congruita' con il modulo inviato dal provider/maintainer. Se l'esito e'
positivo, la RA "provvede a che le deleghe autoritative per il nuovo nome a
dominio siano correttamente inserite negli opportuni nameserver oppure nelle
tabelle operative necessarie al corretto utilizzo dello stesso e che siano
attivate tutte le altre registrazioni tecniche necessarie per il
funzionamento dei servizi relativi al nuovo nome a dominio." (cfr. procedure
attuali). La RA stessa sostituisce nel campo "mnt-by" il valore REQUESTED
DOMAIN con l'handle del provider/maintainer e ne da comunicazione al
provider stesso.

**** resta da inserire, per i vari punti, la possibilita' di correzioni, se
opportuno, e la quantita' di giorni disponibili per le correzioni

-----------------------------------------------------------------
RICHIESTA FORMALE OFF
-----------------------------------------------------------------


Considerazioni finali:
- il richiedente viene comunque identificato secondo le procedure attuali, o
secondo quelle che la NA vorra' modificare/applicare in futuro
- esiste una certezza nella data di inizio della procedura di registrazione,
con una idonea determinazione dell'ordine di precedenza, senza problemi
dovuti a fax illeggibili od errori umani
- il dominio non e' attivo finche' la RA non ha ricevuto la lettera di AR e
non ha dato esito positivo a tutti i controlli; questo dovrebbe
tranquillizzare chi non vuole domini funzionanti finche' la RA non ha in
mano la lettera di AR firmata
- la procedura ha le "stesse possibilita'" della procedura attuale di
bloccare gli illeciti o gli errori, ma semplifica di molto la vita alla
stragrande maggioranza dei richiedenti "corretti"
- e' sufficiente una interrogazione al whois per sapere se un dominio e' "in
corso di registrazione" e da che data.
- e' un po' come dire che tutti i domini in "corso di registrazione" sono
sospesi (e quindi non richiedibili ne' registrabili), finche' la RA non
riceve e verifica la lettera di AR. Si vedano al proposito i punti 4) e 4.1)
delle attuali procedure tecniche v.3.1.


==========================



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe