Senza oggetto

Maria Luisa Buonpensiere buonpensiere a TIN.IT
Mar 11 Gen 2000 18:51:12 CET


>At 18.05 10/01/00 +0100, grigio a mediapoint.it wrote:
>>
>>Egr. Avv. Antonini,
>>
>>mi perdoni se mi permetto l'ardire... ma credo nella sua analisi abbia
>>trascurato un paio di regole che vanno altrettanto rispettate e che come
>>conseguenza conducono direttamente all'unico comportamento possibile...
>>
>>La prima regola ulteriore da prendere in considerazione Ŕ che le richieste
>>di registrazione vengono soddisfatte in ordine di ricevimento e per
>>stabilire l'ordine si utilizza la data di ricezione della LAR 'debitamente
>>compilata e firmata'.

Questo non mi sembra completamente esatto. L'art. 2.1, IV comma delle
procedure recita "La procedura di registrazione si considera attivata dal
momento in cui la RA riceve la lettera di AR, anche via fax, debitamente
compilata e firmata. L'ordine di precedenza con cui vengono evase le
richieste di registrazione si basa sull'ordine temporale di arrivo delle
lettere di AR". Sono chiaramente separate le frasi relative all'inizio
della procedura di registrazione da quella che stabilisce l'ordine di
prioritÓ. Se il CE avesse voluto scrivere quello che vi legge la RA,
avrebbe scritto: "L'ordine di precedenza con cui vengono evase le richieste
di registrazione si basa sull'ordine temporale di arrivo delle lettere di
AR, anche via fax, debitamente compilate e firmate. Da quel momento la
procedura di registrazione si considera attivata.

>>La seconda e' non e' possibile effettuare la prenotazione di un nome a
>>dominio ovvero non puo' esistere un periodo di tempo durante il quale la
>>registrazione di un nome a dominio sia riservata ed esclusiva di un solo
>>soggetto senza che la registrazione sia gia' formalmente perfezionata.

Anche questo assunto non trova riscontro nelle norme. L'art. 2.1, V comma
delle procedure dispone che "Entro 10 giorni lavorativi dall'attivazione
della procedura di registrazione, il provider/maintainer deve completare
presso la RA la documentazione relativa alla registrazione. In caso
contrario, la procedura di registrazione fallisce, la richiesta viene
annullata (ed il provider/maintainer che ha sottomesso la richiesta di
registrazione del nome a domini viene informato del fallimento della
procedura di registrazione)." Cio' dimostra che a) la registrazioen non e'
un evento "istantaneo", ma ci sono casi in cui il dominio rimane "bloccato"
fino ad un adecina di giorni. Anche in questo caso, usando lo stesso metro,
dovrebbe essere considerato prenotazione?


>>Dagli ulteriori punti sovraesposti si puo' pertanto desumere che:
>>
>>Una LAR non 'debitamente compilata e firmata' non concorre a stabilire
>>l'ordine di ricezione e quindi a stabilire la precedenza rispetto a LAR che
>>giungono in tempi successivi.

Come gia' detto, questo non e' affatto detto nelle norme.

>>Se cosi' fosse - e la RA desse 10 giorni per risistemare la LAR - in ogni
>>caso l'ordine di precedenza sarebbe relativo alla data di ricezione della
>>LAR 'riveduta e corretta' e non alla 'originale errata'. Nel periodo tra la
>>ricezione della 'originale errata' e la ricezione della 'riveduta e
>>corretta' la registrazione del nome a dominio non puo' essere riservata
>>all'inviante della 'originale errata' proprio per il principio della
>>'non-prenotabilita' delle registrazioni.

Non e' una prenotazione, ma un termine per la correzione degli errori, che
peraltro e' previsto espressamente dalle norme.

>>A tutti gli effetti pertanto la registrazione del nome a dominio si
>>perfeziona alla ricezione di una LAR 'debitamente compilata e firmata

Questo non e' vero. la ricezione della lettera di AR non perfeziona il
primo passo della registrazione, ma ne e' solo il primo passo, come recita
l'art. 2.1, IV comma:
"La procedura di registrazione si considera attivata dal momento in cui la
RA riceve la lettera di AR"

>>puo' fallire solo e soltanto se il maintainer non soddisfa gli ulteriori
>>requisiti tecnici e formali del caso (ovvero deve predisporre corettamente i
>>DNS, inviare il modulo email registrazione etc.) entro il famoso limite dei
>>10 giorni.

Anche qui, non e' vero che la registrazione possa fallire solo e soltanto
se il maintainer non soddisfa gli ulteriori requisiti tecnici e formali del
caso. La registrazione puo' anche fallire se il nome a dominio e' gia'
registrato; segno che la semplice ricezione della lettera non perfeziona la
registrazione.

>>Se si interpretano i dieci giorni nel modo in cui parecchi affermano (tra
>>cui Lei) si realizza di fatto la 'prenotazione' (espressamente non permessa
>>dalle regole) e si attribuisce un ordine di precedenza alla richiesta in
>>base ad una LAR pervenuta non 'debitamente  compilata e firmata' (altra
>>irregolarita').

Non stiamo parlando di prenotazione. Stiamo parlando di errori. E le
procedure esplicitamente prevedono un termine per correggerlo. E penso
proprio che chi invia la lettera di AR il dominio lo voglia avere, non lo
voglia semplicemente prenotare. E poi, cosa ci farebbe di una prenotazioen
che scade dopo appena 10 giorni?

Cordiali saluti e buon lavoro a tutti!

        Maria Luisa Buonpensiere
---------------------
Avv. Maria Luisa Buonpensiere
e-mail: buonpensiere a tin.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe