Modello switch.ch

Stefano Cecconi - TechNet I.S.P. webmaster a TECHNET.IT
Gio 20 Gen 2000 23:06:23 CET


Riporto dal sito switch.ch due punti interessanti....

Transfer of domain names:

two possibilities exist for the transfer of domain names from one holder to
another:
The holder of a name deletes the data base entries of a certain name in the
repository and a new registrant applies for the same name.
The holder of a name submits a written and signed document to the registry
authorizing another entity to apply for a modification of the entries in the
repository of a specific domain name.

Solving conflicts:

when a domain name has been registered by another entity or is in progress
of registering, it is the responsibility of the entity seeking the
registration to research the existing repository and pursue any litigation
which may be necessary against the existing registrant, should said entity
believe that existing registrant has no right to said domain. Entities and
registrants acknowledge and agree that CH/LI DOM-REG cannot act as arbiter
of disputes arising out of the registration of and use of domain names.
Registration of a pending application for a domain name will be suspended by
CH/LI DOM-REG in case of a conflict with another pending application or an
already registered active or inactive domain name until the conflicting
registrants present a written and duly signed settlement of the conflict or
a court decision resolving the dispute in favor of one of the conflicting
parties.


In pratica hanno legalizzato la compravendita di domini (tanto Ŕ impossibile
impedirla), e per le dispute si devolvono tutto al tribunale (mai e poi mai
switch si sogna di fare da arbitro, notato?).
Propongo al C.E. (sentiamo anche la lista, prima di cestinare la proposta)
di inserire nelle regole la possibilitÓ di trasferire in modo "normato"
l'assegnazione di un dominio.

Saluti
====================================
Stefano Cecconi webmaster a technet.it
Technorail s.r.l. Servizio TechNet
TECHNORAIL-MNT Autorizzazione n░473
http://www.technet.it http://www.spazioweb.it
====================================


----- Original Message -----
From: "Alfredo Cotroneo" <alfredo a cotroneo.org>
To: "Maurizio Codogno" <mau a beatles.cselt.it>
Cc: <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Thursday, January 20, 2000 9:24 PM
Subject: Re: LAR, regole e netiquette in English ?


> At 09:18 20/01/00 +0100, you wrote:
> > > >Se parliamo di pari opportunita', direi che cio' potra' essere fatto
> > > >quando le Registration Authority straniere disporranno i loro moduli
> > > >in italiano...
> > > >:-))
> > >
> > > Prova con switch.ch e poi ci sai dire  ;-)
> >
> >La Svizzera fa parte dell'Unione Europea?
> >
> >(e ad ogni modo, mi pare che l'italiano sia una lingua ufficiale
> >della Confederazione Elvetica, mentre l'inglese non e` una lingua
> >ufficiale della Repubblica Italiana)
>
> Mi pare che, o non tu no sia molto informato, anche se non registri domini
> basta che fai un salto a vedere http://www.switch.ch ;-)
>
> Il mio commento si legge cosi': Su switch.ch (registrazioni in circa 12
ore
> da parte di chiunque di domini .ch e .lu, .lu=***Lussemburgo***, che e'
> paese membro della comunita' europea) la registrazione si fa ***SOLO** in
> Inglese. Non in Svizzero, non in Romancio, non in Tedesco, **NON** IN
> ITALIANO. Si fa in Inglese, e non per far piacere alla regina :-)  :
> l'Inglese non e' lingua ufficiale della Svizzera.
>
> Un ottimo esempio da seguire a mio parere, per il modo in cui si registra
e
> per l'efficienza. Svizzera, appunto ;-)
>
> E se chiedessimo a  SWITCH di registrare anche .it ,oltre che .ch e .lu
???
>
> Ciao,
>
>
> --
> Alfredo E. Cotroneo           email: alfredo a cotroneo.org



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe