Reply a M.Codogno sui quorum

Griffini Giorgio grigio a MEDIAPOINT.IT
Sab 29 Gen 2000 20:16:36 CET


> > Ora mi chiedevo ... e' opportuno conteggiarlo ai fini della valutazione
> > della maggioranza da raggiungere? Non equivale a conteggiarlo come
> > un voto possibile quando invece non puo' essere esercitato?
> >
> > Dico questo perche', fatti due conti, il valore da raggiungere e'
> > assolutamente sproporzionato rispetto alla partecipazione effettiva.
>
> Certo.

Con "Certo." intendi dire che ritieni anche tu che siano sproporzionati
?

> Ma e` anche vero che se uno non partecipa (ne` direttamente ne`
> per delega) a tre riunioni consecutive costui viene depennato dagli
> iscritti. Questa regola serve precisamente a rendere possibili
> *in pratica* i mutamenti dello statuto, come penso Enzo sapra`
> spiegare meglio di me.

Se non si prevede un meccanismo di abbassamento progressivo piu'
rapido delle maggioranze necessarie in funzione di carenza di
partecipazione (vedasi ad esempio le assemblee di condominio...)
la praticita' della cosa rimane solo sulla carta.

Nel nostro caso per due principali motivi:

Sono convinto che molti maintainer sono "iscritti" solo per avere il
delivery dei messaggi della lista (piuttosto che andarselo a vedere
ogni volta su Web) ..e rimanere quindi al corrente delle novita'... e
non tanto per partecipare....
Chi viene escluso per mancata partecipazione dopo quaranta
secondi netti manda un messaggio al presidente e viene riammesso.
(e continua a ricevere informazioni sui lavori della NA)
Notare che la "non partecipazione" e' uno dei criteri con cui noi
cassiamo le iscrizioni presentate al presidente....

Altro motivo e' che utilizzando la sola partecipazione fisica come
modalita' discriminatoria della partecipazione e in assenza di
assemblee "straordinarie" ci vogliono almeno 3 anni per sfrondare gli
iscritti non "attivi"... (e ottenere quorum ragionevoli...)
Non mi sembra particolarmente "pratico"...

>
> Puoi provare a indire tre riunioni straordinarie di fila :-)
>
Nemmeno all'ultima assemblea ordinaria c'era la maggioranza
sufficiente per cambiare lo statuto...

Noto pero', dai toni, che le reali difficolta' esistenti per cambiare lo
statuto (dall'assemblea ) sembrino farvi felici.... bah....

Cordiali Saluti
Griffini Giorgio


e-Mail: grigio a mediapoint.it
e-Mail: griffini.giorgio a enel.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe