R: Account prepagati per il TLD .it: ho scoperto l'acqua calda... anzi tiepida?

Bruno Piarulli we a GOT.IT
Mar 6 Giu 2000 20:21:13 CEST


> -----Messaggio originale-----
> Da:  Valerio Granato
> Inviato: lunedý 5 giugno 2000 20.50
>
> All'atto del rinnovo del contratto, il maintainer pu˛ scegliere tra
> utilizzare o meno un account prepagato.
> In caso non voglia utilizzarlo, sarÓ limitato temporalmente nella
> registrazione dei domini; un dominio a settimana potrebbe essere
> sufficiente. (sono 120/150.000 al mese). Settimana intesa
> come arco temporale di sette giorni.
> Se decide di utilizzare un account prepagato, ne acquista quanti
> ne vuole presso la RA, in funzione del suo volume di registrazioni,
> e non ha limiti.
>
> snip .. snip ..

Perdonami se ho tagliato un po' troppo :-), credo che il tuo concetto sia
chiaro comunque.
Una domanda: invece che "prepagato", non e' sufficiente fare un pagamento
[pressoche'] contestuale? Si potrebbe usare, che so', una carta di credito,
senza neanche il bisogno di farla passare online, visto che un migliaio di
maintainer possono mandare i dati "una tantum" e la R.A. gestire i pagamenti
in-tempo-reale-ma-offline.

Oppure, piu' semplicemente, un addebito automatico sul conto corrente ogni
fine mese, tramite una "disposizione permanente di addebito" RID, che e' la
stessa procedura usata da molti di noi per pagare le bollette dei servizi
tipo enel, telefono, ecc.

Ne approfitto per riproporre una piccola modifica salomonica, che renderebbe
la registrazione dei domini immediata e in tempo reale, in attesa di
modifiche piu' sostanziose (quali la eliminazione completa della LAR).
Mantenendo tutte le regole di naming, modificherei le procedure tecniche
cosi':

Art. 1 - Il maintainer, attraverso "opportuna" autenticazione (cript-pw,
PGP, scegliete voi ..), invia il modulo alla R.A.. Se il modulo passa tutti
i controlli previsti (DNS, entry person, ecc.) il dominio viene registrato
al richiedente. Sottolineo **registrato**, e quindi addebitato al maintainer
con il RID (o altro).

Art. 2 - Il richiedente, entro TOT giorni (5? 10? 15?), **deve** far
pervenire alla R.A. la lettera di A.R. debitamente compilata e firmata. Se
la lettera non arriva, il dominio viene rimosso. Punto. Ma il dominio al
maintainer viene fatturato comunque, come quando viene prima registrato e
poi il cliente decide di rinunciare dopo TOT giorni/settimane/mesi.


I maintainer che "hanno il cliente davanti" non hanno problemi a fargli
firmare la LAR ed inviarla per cammello entro 10 giorni, e rischiano poco o
niente perche' sono loro ad inviare la LAR.
I maintainer che prendono gli ordini "online" possono chiedere il pagamento
all'atto dell'ordine (visto che il dominio verrebbe assegnato in tempo
reale) riducendo cosi' a zero il rischio dovuto a quei clienti che poi non
mandano la LAR.
La R.A. prenderebbe in mano le LAR una volta sola per controllare la
congruita' invece che 2 volte come e' obbligata a fare adesso.

... a me sembra cosi' vantaggioso per tutti ... mah ...

Bruno Piarulli

P.S. credo di non dire niente di sconveniente se affermo che noi di domini
ne registriamo parecchi :-), cio' nonostante, sono piu' che favorevole ad un
pagamento contestuale alla registrazione, se questo porta a zero i  tempi
necessari alla registrazione stessa (e riduce al minimo i contenziosi, il
mio fax e' prima del tuo, io l'ho mandato voi l'avete perso, quelli la' ci
marciano, tizio ha mandato una LAR ma io maintainer non ne so' niente, ecc.
ecc. ...)

-------------------------------------------------------------
 GOT.IT srl     http://we.got.it       tel: +39 035.452.0250
                mailto:we a got.it       fax: +39 035.452.0249
-------------------------------------------------------------



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe