Commenti al comunicato n.23

Griffini Giorgio grigio a MEDIAPOINT.IT
Mer 7 Giu 2000 21:51:37 CEST


Sebbene sia favorevole alle modifiche apportate esprimo alcune perplessita',
da intendere come suggerimenti.

Il primo paragrafo dell'articolo 16.2 a mio parere e' troppo puntuale e si corre
il rischio, in assenza di ulteriori precisazioni peraltro non presenti, che venga
usato strumentalmente. Se uno registra un nome generico non di interesse
comune e che non corrisponde ad un marchio e tale nome gli viene
contestato il soggetto che riceve la contestazione non ha nessuna
possibilita' di provare che ha  titolo specifico all'uso salvo forse il fatto di
averlo registrato per primo. Credo che, a scanso di equivoci e con un occhio
in avanti converrebbe forse riformulare il paragrafo in :

"La procedura amministrativa ha lo scopo, a fronte di una contestazione, di
verificare che la registrazione del nome a dominio contestato non sia
considerabile come "registrazione abusiva" e/o "in mala fede" secondo i
criteri comunemente in uso nel settore delle registrazioni di nomi a dominio.
Se la procedura amministrativa accerta la caratteristica di "registrazione
abusiva" del nome contestato viene eseguita d'ufficio la revoca della
assegnazione del nome a dominio in favore del contestante se quest'ultimo
possiede i requisiti necessari per l'assegnazione di tale nome."

In questo modo si rende anche evidente l'intenzione di stabilire il principio
che non e' il solo possesso di un marchio che permette di essere al riparo da
contestazioni fatte con intenzioni di "reverse domain name hijacking" e si
mette una barriera a casi anomali usabili come espediente per sforare le
attuali regole (tipo contestanti extraeuropei o privati gia' titolari di un nome a
dominio).

Al punto 16.5 si parla di liberta' delle procedure di attuazione delle
organizzazioni che conducono le procedure amministrative. Credo che
questo possa comportare il rischio del cosiddetto "forum-shopping" ovvero
che si vengano a creare di fatto disparita' di conduzione,trattamento e
giudizio tale che ad esempio si preferisca rivolgersi ad una organizzazione
(piuttosto che ad un altra) che magari e' meno ligia ad effettuare qualche
verifica o passo procedurale a vantaggio improprio del contestante.

Per il resto credo che non ci si debba lamentare...
[salvo l'intervento forse un po' tardivo... ma come si suol dire....."meglio tardi
che mai"...:) ]

Cordiali Saluti
Griffini Giorgio



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe