Commenti al comunicato n.23

Francesco Lamperti flampo a LIBERO.IT
Gio 8 Giu 2000 15:19:52 CEST


At 21.51 07/06/00 +0200, Griffini Giorgio wrote:
>Sebbene sia favorevole alle modifiche apportate esprimo alcune perplessita',
>da intendere come suggerimenti.
>
>Il primo paragrafo dell'articolo 16.2 a mio parere e' troppo puntuale e si
corre
>il rischio, in assenza di ulteriori precisazioni peraltro non presenti,
che venga
>usato strumentalmente. Se uno registra un nome generico non di interesse
>comune e che non corrisponde ad un marchio e tale nome gli viene
>contestato il soggetto che riceve la contestazione non ha nessuna
>possibilita' di provare che ha  titolo specifico all'uso salvo forse il
fatto di
>averlo registrato per primo. Credo che, a scanso di equivoci e con un occhio
>in avanti converrebbe forse riformulare il paragrafo in :
>
>"La procedura amministrativa ha lo scopo, a fronte di una contestazione, di
>verificare che la registrazione del nome a dominio contestato non sia
>considerabile come "registrazione abusiva" e/o "in mala fede" secondo i
>criteri comunemente in uso nel settore delle registrazioni di nomi a dominio.

Quali sonoi?
Mi sembra ci sia già abbastanza confusione nell'individuazione dei predetti
criteri....
Meno si lascia spazio alla libera interpreatzione di chi dovrà applicare il
regolamento meglio è.......
A mio avviso, il regolamento dovrebbe essere chiaro e preciso e dovrebbe
altresì prevedere ogni possibilità di contestazione...

Scusate l'intrusione..

Francesco Lamperti



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe