R: L'appello alla MAP esiste gia'

Ignazio Guerrieri iguerrieri a PRONET.IT
Ven 16 Giu 2000 10:45:44 CEST


Giorgio Griffini ha scritto:

>L'intento con cui avevo espressamente specificato la "nullita'" e' per
>rafforzare
>le responsabilita' del conduttore MAP. A fronte di una decisione del
>conduttore MAP nessuno puo' sindacare e la decisione diventa comunque
>subito operativa. Se c'e malafede allora si perderebbe l'agilita' della MAP
>perche' se devo andare in giudizio poco importa se devo andare contro il
>conduttore MAP o contro la parte che ho contestato. (e in caso di malafede
>di conduzione la parte vincente magari aiuta pure la parte chiamata in
>giudizio).

D'accordo, ma chi e' che dovrebbe accertare e stabilire che la "decisione"
del MAP e' nulla?
Il comitato di controllo? Il CE? Non credo proprio che possano assumersi una
responsabilita' del genere, che inevitabilmente implicherebbe la necessita'
di rientrare nel merito della controversia (e questo non rientrerebbe tra i
poteri di tali organi).
E allora delle due l'una: o la parte soccombente (e che lamenta la nullita'
del MAP) per ottenere ragione si rivolge al tribunale (o agli arbitri, se in
tal senso e' d'accordo la controparte), oppure attiva un'altra MAP, con il
rischio di non uscire piu' dal circolo vizioso.
Quindi va benissimo prevedere strumenti che rendano il ricorso ai giudici
come una extrema ratio, purche' si mantenga un po' di sano realismo: in
realta' sappiamo tutti benissimo che ben poche parti soccombenti si
accontenteranno del verdetto del MAP....
Saluti a tutti
Ignazio Guerrieri
----------------------------------------------------------
Avv. Ignazio Guerrieri
Via G. Nicotera, 29
00195 - ROMA
E-Mail: iguerrieri a pronet.it
Tel.: +39-06-3217708;  Fax: +39-06-3223335



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe