Re: Presunta illegalitÓ dei cookies

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Lun 19 Giu 2000 19:26:44 CEST


At 16.41 19/06/00 +0200, Antonio Ussoli wrote:
>Il quotidiano "ItaliaOggi" (www.italiaoggi.it)  del 14 giugno 2000 ,
>pubblicava un articolo ben dettagliato che dimostra chiaramente la non
>competenza di chi stÓ cercando di applicare "regole italiane" ad una rete
>tutta internazionale. L'articolo infatti descrive con chiarezza le
>motivazioni che portano l'AutoritÓ garante a pensare all'uso dei cookies
>come illegale. Promette nuove regole per garantire la privacy. Ma cosa sono
>i cookeies ? Sono dei piccoli file di testo che si posizionano in
>un'apposita cartella del vostro computer e che contengono informazioni che
>il server internet al quale vi siete collegati vi invia . Spesso queste
>informazioni sono numeriche e servono solamente per "siglare" il vostro
>computer e riconoscerlo durante le successive visite. Chi gestisce un sito
>li usa per cercare di migliorare il servizio offerto attraverso la
>possibilitÓ di monitorare gli utenti ed i loro spostamenti . Ogni utente li
>pu˛ cancellare in qualsiasi momento C'e' anche un rovescio della medaglia ,
>alcune aziende costruiscono un valore immenso sull'accurata conoscenza del
>proprio target . I cookies consentono di avere siti intelligenti e servizi
>pi¨ accurati . Una cosa che invece viola la privacy e' il database del RIPE
>(www.ripe.net) dove sono pubblicamente inseriti i nomi delle aziende alle
>quali i provider affidano un IP fisso; navigando nei vari siti , i gestori
>possono sapere che noi , solo e soltanto noi, abbiamo effettuato quella
>visita e monitorare tutti i nostri spostamenti ! Questa Ŕ violazione della
>Privacy .Vietare i cookies significa rendere le aziende estere pi¨
>competitive di quelle nazionali. Ho capito bene ? E' questo che che vogliamo
>raggiungere ???

Premetto che non ho avuto il tempo di leggere le motivazioni del Garante
alla propria decisione e che uso Italia Oggi per lavare i vetri (e' una
meraviglia).
Detto questo e' chiaro ed evidente che i cookies sono illegali cosi' come
qualsiasi altro mezzo con cui le aziende carpiscono, con varie scuse, dati
dagli uenti e sono quindi in grado di avere gratis ed in gran quantita' una
miriade di utili dati per capire in anticipo i gusti e le abitudini degli
utenti per riempirli di prodotti piu' o meno inutili.
Il bravo Benetton lo sapeva bene ed ha basato il suo successo sulla scelta
del colore della maglietta in tempo reale, cioe' colorando la maglietta
dopo l'ordine e non prima e quindi senza sprechi o perdite sul magazzino.
Adesso dal supermercato al portale tutti fingono di regalarti qualcosa ma
in cambio altro non fanno che chiederti di registarti e cioe' di spiare
gratis sulle tue abitudini.
Non voglio dire che siti come jumpy o altri svolgano attivita' illegale, ci
mancherebbe altro finirei subito condannato dalla giustizia Italiana subito
pronta a difendere i piu' forti, ma voglio solo far riflettere ed usare il
proprio cervello senza credere a cio' che ci viene propinato (vi ricordate
la barzelletta di qualche giorno fa circa i mafiosi che hanno fatto
operazioni illegali alla borsa di New York? I giornalisti dicevano che
hanno "rubato" 100 miliardi di lire in 5 anni, se riflettete vi mettete a
ridere e capirete che evidentemente non ci hanno detto la verita'.)
Un bel esempio lo trovate su http://www.privacy.net/ ed anche i modi per
difendervi, certo se invece il male ve lo fate da soli registrandovi allora
l'unico che puo' aiutarvi e' il Garante che da bravo "papa" tutela la massa
di figli disattenti e vivacissimi nel cacciarsi nei guai.
Abbasso i cookies e tutte le aziende che li usano che siano Italiane o
straniere non fa differenza.
Per quanto riguarda l'indirizzo IP non capisco davvero cosa ci sia di male
nel fatto che sia pubblico il database, se uno vuole navigare (ma c'e'
ancora qualche provider che naviga i web?) in modo anonimo ci sono mille
modi per difendersi e non e' certo il ripe ad impedirlo.
Saluti.


Alessandro Nosenzo - Business Idea.it Srl
Via Cortelonga, 14/a - 20052 MONZA MI
Tel. +39039320191 Fax +390392302955



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe