una nuova procedura di arbitrazione?

Alfredo Cotroneo alfredo a COTRONEO.ORG
Mer 3 Maggio 2000 14:49:37 CEST


At 08:20 03/05/00 +0200, Maurizio Codogno <mau a beatles.cselt.it> wrote:
> > From: "Alfredo E. Cotroneo" <alfredo a nexus.org>
>
> > Per quanto riguarda la radiodiffusione circolare non e' cosi'. La frequenza
> > te la puoi tenere solo se la usi. Sono anche esplicitamente vietate
> > trasmissioni ripetitive o segnali fissi, che in Internet si tradurrebbe
> > in  "devi anche aggiornare le pagine Web/ftp altrimenti perdi il diritto
> > all'uso del dominio" ;-) .
>
>Internet NON E` il Web.

Non fraintendermi, era ovviamente ironico, avrei dovuto scrivere "mal si
tradurrebbe ,-)" . Ma visto che i nostri legislatori non sono sempre cosi'
"esperti" da capire che esistono altri protocolli oltre a ftp/http/
dobbiamo far capire loro che un dominio ha ragione di esistere talvolta
anche solo perche' vi' e' un servizio di posta eletronica, un server
RealAudio, o un vecchio gopher e null'altro. E se e' cosi' e' perche' io ho
scelto che sia cosi', e ne ho ovviamente diritto :-)

[A proposito, quanti utenti "stupidi" conosci che per verificare se un
dominio e' "libero" tentano di accedere a www.dominio.ext ? Io, una marea :-( ]

> > Le frequenze (come i nomi a dominio) sono una risorsa scarsa.
>
>Direi che ci sono diversi ordini di grandezza di differenza...

D'accordo, tieni comunque presente che forse ci sono piu' frequenze
disponibili nell'etere e luoghi da cui trasmettere senza causare
interferenze che parole sul vocabolario :-) Considera quanti apparecchi GSM
sono accesi nel mondo contemporaneamente (cioe' sempre attivi in ricezione
e trasmissisone) seppure la banda sia solo di qualche centinaio di MHz.

Comunque la ragione della regolamentazione, anche quella primordiale e
restrittiva stabilita dall'allora GARR deriva dal fatto che non hai
infinite parole di vocabolario "utili" per registrare domini e devi
comunque in qualche modo definire il diritto all'uso. A meno che tu non
consideri i domini come risrsa quasi infinita prevedendo tutte le
combinazioni di lettere e cifre possibili fino alla lunghezza massima
prevista per ogni registrar per i domini (del tipo
a89hytttwmmbzalluisdkkjygbbnyr889o0036t.it, ma cio' e follia pura).

Ciao,

Alfredo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe