Fw: Nomi a dominio e code di attesa - ed altro.

Riccardo Losselli r.losselli a E4A.IT
Mer 1 Nov 2000 18:59:26 CET


>Quando faccio firmare la LAR al cliente, questo sente giÓ suo il
>dominio, e vi assicuro che da quel momento fremo dalla
>paura che qualcuno me lo porti via, pena una magrissima figura col
>mio cliente.

Non capisco perche'... anche io ho uno strettissimo rapporto con il
cliente e non vedo perche' doivresti fare una brutta figura se il
dominio viene registrato nel frattempo, ovviamente a meno che tu non
faccia passare un mese da quando ti da la LAR a quando la invii...
Penso che una volta puntualizzato come funziona la procedura di
registrazione, per il cliente sia ben chiaro che c'e' comunque la
possibilita' che il dominio sia stato "soffiato".

>Devo ammetere che forse anche io ho "soffiato" un dominio a qualcuno.
>Erano liberi  sia il .IT che il .COM e da mesi stavo cercando di
>convincere il mio cliente a registrarsi il suo nome; un
>giorno vedo registrato il .COM da una ditta italiana "questi adesso
>stanno facendo anche le pratiche per il .IT", mi
>dico; avviso subito il mio cliente ed in giornata facciamo tutte le
>pratiche per il .IT e lo otteniamo.

Lo dici come se fosse la confessione di una colpa =)

>Direi che e' nelle regole del commercio.

Direi piuttosto che sono le regole di registrazione =)

>Sarebbe una bellissima cosa, ed in questo caso si' che occorrerebbe
>mettere delle regole che ogni richiedente non puo'
>avere piu' domini di terzo livello con lo stesso nome.
>Altrimenti la cosa non serve a nulla.
>Io mi registro enzoviscuso.com.it per la mia ditta,
>enzoviscuso.org.it per la mia associazione sportiva,
>enzoviscuso.net.it come ISP, enzoviscuso.edu.it per i miei corsi di
>informatica, etc.
>e siamo al punto di partenza, si aumenta solo il lavoro (e gli
>introiti) per la RA.

Se hai effettivamente diritto a registrarli, non vedo perche' non
dovresti.. da quello che capisco, sottintendi pero' che in realta'
non ne avresti (nel senso che non esistono l'associazione sportiva,
l'isp etc..)

Invece di arrovellarsi tanto su posizioni "E' arrivato prima caio, ma
tizio e' arrivato mentre mi si stava legando le scarpe per spedire la
LAR quindi ho piu' diritto io di registrare il dominio se non lo
danno a caio", non sarebbe molto piu' "pulito" un funzionamento delle
registrazioni immediato, con "lock" ed assegnazione del dominio
istantanea, senza LAR, o con LAR non soggette a "problemi tecnici"
(una LAR puo' arrivare illeggibile via fax, ma non via e-mail ad
esempio). Le sperimentazioni in atto mi sembrano un buon punto di
partenza..
A quel punto, come diceva Bertola, il maintainer, piu' che essere
scelto perche' e' la persona che e' virtualmente l'unica a poter
registrare il dominio (Fra parentesi, alla riunione dei contributori
e' stato detto esplicitamente che il costo della registrazione
privata e' volutamente tenuto alto per disincentivare la
registrazione diretta) e' invece quella piu' AFFIDABILE (non mi
rifiutano la LAR per errori di compilazione perche' il mnt mi mette
in grado di mandarne una "perfetta"). Per le rinunce invece non
concordo sulle posizioni di diritti di prelazione.. un dominio libero
per rinuncia e' tale e quale a un dominio libero perche' mai
registrato.. il primo che arriva lo prende.. se qualcuno ci vuole
speculare, ha piu' fortuna secondo me trasferendolo, se la persona a
cui viene proposta la vendita la rifuta puo':
Se ne ha diritto, e vuole, farselo riassegnare
Se ne ha diritto, e non vuole pagare il venditore ne' i costi di MAP
e altro, "placcare" il dominio che ormai sa non essere realmente
utilizzato
Se non ha motivo effettivo di possedere quel dominio, a parte poterlo
potenziamente rivedere ad un terzo per guadagnarci ancora, perche'
dovrebbe avere agevolazioni a farlo.. Perche' e' il mercato? Il
mercato dovrebbe essere fatto anche di correttezza =)
Concordo che il dominio sia importante (sottolineo importante, non
essenziale, se diventa essenziale allora c'e' qualcosa che non va,
vuol dire essere privi di contenuti e cercare un bel guscio da
mettersi attorno, IMHO) ma ci sono delle regole ben precise. Se si
vuole si puo' stravolgere la base delle regole (si cambia da "chi
prima arriva" a "chi ha piu' diritto" , poi voglio vedere chi
stabilisce chi ha piu' diritto.. Io potrei avere un cane che ho
chiamato Ferrero e volergli dedicare un sito web.. Perche' dovremmo
avere meno diritti io ed il mio cane rispetto a Mr. Cioccolato?)

Ciao,
Riccardo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe