Quale tutela per gli utenti - BIS

Vittorio Bertola vb a VITAMINIC.NET
Gio 2 Nov 2000 14:15:03 CET


On Thu, 02 Nov 2000 01:19:25 +0100, you wrote:

>Affiliarsi ad essi significa risparmiare sulle registrazioni, pagando meno
>dei $35 "canonici" annuali. Ma significa anche investimento di tecnologia
>e denaro, cioè operazione fattibile per i provider. PROPRIO COME PER
>I DOMINI ".IT". Quindi, l'unica differenza sta nei prezzi e nelle politiche
>di assegnazione: un dominio .com costa 35 dollari e un dominio .it 400.000
>lire. Per registrare un dominio .it devo seguire regole più "severe" di un
>dominio .com. Ma _questo_e'_tutto_.

Se abbracci questa visione, pero', credo che implicitamente tu costringa la
RA a spiegare per quale motivo una entita' privata con fine di lucro offre
la registrazione di un dominio a 35 dollari l'anno, mentre una entita'
pubblica senza fine di lucro la fa pagare 400.000 lire :-)

Comunque, come ho detto nel messaggio originario, nessuno e' obbligato a
concordare sui miei ragionamenti. Ci tengo solo a chiarire che esistono
possibilita' di migliorare il sistema con vantaggio per tutti (acquirenti e
venditori di domini), e che sono le uniche che potranno avere successo.
--
.oOo.oOo.oOo.oOo vb.
Vittorio Bertola     <vb a vitaminic.net>    Ph. +39 011 23381220
Vitaminic [The Music Evolution] - Vice President for Technology



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe