Il "peccato originale" :)) msg di Vittorio Bertola (2)

lawfirm a ANDREAMONTI.NET lawfirm a ANDREAMONTI.NET
Gio 2 Nov 2000 16:22:55 CET


From:                   Vittorio Bertola <vb a vitaminic.net>
To:                     lawfirm a andreamonti.net
Copies to:              ita-pe a NIC.IT
Subject:                Re: Il "peccato originale" :)) msg di Vittorio Bertola
Date sent:              Thu, 02 Nov 2000 14:03:46 +0100
Organization:           Vitaminic [The Music Evolution]

> On Wed, 01 Nov 2000 14:20:39 +0100, you wrote:
>
> >Vittorio, purtroppo - o per fortuna:) - le Regole di Naming non hanno
> >un valore equiparabile a quello delle leggi. Sono un "regolamento
> >interno" (chiedo scusa ai tecnici per la semplificazione) che non
> >puo' incidere sulle posizioni giuridiche di terze parti
>
> Sono ben conscio del fatto che noi non possiamo scrivere leggi e men che
> meno contraddirle. Ma questo non vuol dire che noi non possiamo avere una
> posizione in merito e/o spingere perche' le leggi vengano modificate nella
> direzione che desideriamo. In fondo questa dovrebbe essere la "sede tecnica"
> piu' competente in materia in Italia.

Sei in NA da troppo poco, per sapere quanto sangue sia stato versato su
questo tema:)))
Certo che possiamo avere una posizione in materia, ed e' proprio quello
che ho sollecitato con il messaggio che ha dato origine a questo thread.

> >MAP servono a risolvere i problemi poiu' clamorosi. Noi abbiamo
> >scelto una soluzione intermedia, nella quale pur non essendo
> >formalizzato, esiste un controllo preventivo e successivo sul merito
> >delle registrazioni. Il che - in assenza di norme interne chiare -
> >genera confusione.

> Appunto... temo che questo rischi di essere molto piu' pericoloso di una
> qualsiasi posizione netta.

Bisogna fare una premessa: personalmente non ho condiviso la scelta di
adottare le MAP - specie in questo modo - ma, come ho detto in
assemblea, rispetto assolutamente la volonta' della NA che le ha richieste
e approvate.
nel merito, sono convinto che ci sarebbe bisogno di rimaneggiarle
profondamente (secondo uno schema che proposi in "tempi non
sospetti") ma bisogna anche valutare - con senso di responsabilita'- che
modificare continuamente gli stessi punti delle regole senza vedere come
"tengono" alla prova dei fatti sia una cura peggiore del male.
Un caro saluto
Andrea Monti



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe