Carta dei diritti dei minori nelle comunicazioni

Paolo Pomi paolopomi a LIBERO.IT
Sab 4 Nov 2000 10:27:17 CET


----- Original Message -----
From: "Elio Tondo" <elio a xtreme.it>
To: <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Saturday, November 04, 2000 10:44 AM
Subject: Re: Carta dei diritti dei minori nelle comunicazioni


> Prego definire cose intendi per "rendere disponibili gli accessi a siti".
> Se parli di connettivita`, dovresti mettere dietro le sbarre TIN, Libero e
giu`
> fino all'ultimo ISP di provincia con dieci clienti.

Introdurre una norma non significa riempire le carceri ma potrebbe anche
significare, per esempio, sospendere l'autorizzazione ..:-))



> Se intendi chi fornisce il
> servizio di hosting, concettualmente (ma piu` che altro emotivamente) il
> ragionamento puo` filare

Mi spiace ma credo che anche nel mondo virtuale il sentimento e la gioia di
stupire e stupirsi debba sempre prevalere sul presunta fredda razionalitÓ
dei ragionamenti positivisti: un po' di sentimento anche nelle norme, please
...;-)

> Ricordati che la NA si occupa primariamente di regole di NAMING. I criteri
di
> buon uso di cio` che sta dietro tali nomi si riconducono alle buone
vecchie
> consuetudini della Netiquette, ma la NA non ha poteri legislativi ne`
tantomeno
> giudiziari, come si e` gia` piu` volte detto (mi corregga qualcuno del CE
se
> sto dicendo inesattezze). Last but not least, ricordiamoci una buona volta
che
> la NA ha giurisdizione sui domini .IT, non sulla totalita` dei domini
mondiali.
> Per non parlare del fatto che un sito di pedofili puo anche NON avere un
> dominio, basta un qualsiasi indirizzo IP, magari connesso ad un'anonima ed
> economica DSL ad IP fisso... (non credo che a loro interessi essere ben
> indicizzati dai motori di ricerca... ;-)))

La mia era una semplice domanda per verificare se Ŕ possibile qualche
intervento, senza dimenticare le funzioni della NA

Comunque grazie

Paolo Pomi
Vicenza



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe