La stampa "contro" Internet

Alfredo Cotroneo alfredo a COTRONEO.ORG
Sab 4 Nov 2000 11:06:36 CET


Salve,

volevo segnalarvi un mio ascolto casuale ieri pomeriggio (sabato 3/11/2000)
su radio parlamento che mi ha un po' preoccupato. Era in onda un convegno
della stampa italiana che si teneva in Umbria e vi e' stato un accenno ad
una proposta di legge pronta per l'approvazione che dovrebbe regolamentare
l'uso dei siti Web di informazione e Internet in generale. L'accento era
chiaramente "lobbystico", parlava il presidente della stampa italiana,
chiaramente come ha accennato per difendere le posizioni della propria
categoria (con sempre meno lettori) ed evidentemente contro la concorrenza
dilagante di Internet anche nel suo settore.

Vi e' stato un accenno ad uno di questi interventi per "frenare" lo
sviluppo dei siti di informazione in Internet. Si e' accennato all'obbligo
che tale proposta di legge istituirebbe della registrazione della testata
giornalistica presso i Tribunale dei siti Web che contengono informazione e
non so quali altri obblighi / imposizioni ...

Mi pare abbastanza preoccupante un ulteriore intervento (tipicamente
italiano) di ulteriore regolamentazione del settore, che mi e' parso
chiaramente allo scopo di difendere le posizioni della carta stampata :-((

In generale, mi pare di intuire, anche con in merito al convegno della
Presidenza del Consiglio, che vi sia in atto un tentativo di frenare, piu'
che promuovere, lo sviluppo di attivita' su Internet in Italia, emettendo
normative che in altri paesi NON esistono. Troppa liberta' per chiunque di
dire come la pensi, la "e-democracy", cominciano a terrorizzare i politici
e le lobby consolidate, cio' non mi sorprende affatto. Tra quanto ad
esempio ci dovremo aspettare la tassa di concessione governativa sui domini
e sui siti Web ? E lo stesso controllo cui tutte le radio e televisioni
sono soggette ora (cio' ha fatto morire in meno di otto anni quasi tutte le
emittenti medio piccole, ve ne siete accorti?) .

Vedo, ahime', moltissime analogie ad un mercato che e' nato rigoglioso ed
e' morto fagocitato dalle normative e dai "big" (quello delle "radio/TV
libere" degli anni '70) e il nostro di Internet :-)

Qualcuno ha dei riferimenti piu' precisi sulla proposta di legge citata ?

Saluti.

--
Alfredo E. Cotroneo           email: alfredo a cotroneo.org
Phone: +39 335 214 614, fax: +39 02 70638151
snail mail: PO Box 11028, I-20110 Milano, Italy



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe