R: invio lettera

Cerutti Stefano scerutti a TIN.IT
Mar 7 Nov 2000 15:59:32 CET


Ben detto Giorgio
condivido pianamente la tua lettera.

Avv. Stefano Cerutti

-----Messaggio originale-----
Da: Claudio Allocchio <Claudio.Allocchio a elettra.trieste.it>
A: Naming Authority Italiana <ITA-PE a NA.nic.it>
Data: martedì 7 novembre 2000 15.55
Oggetto: invio lettera


>Vi invio, come richiesto, la lettera ricevuta.
>
>Come negli altri casi relativi alle non iscrizioni, la N.A. ha
>semplicemente seguito la sua tradizione: e' da quando esiste che
>considera la presenza all'assemblea, di persona o per delega con raltiva
>presentazione, nonche' la partecipazione attiva alla discussione sulla
>lista, un criterio fondamentale per decidere sulle domande presentate.
>
>Con le proposte di modifica dello Statuto in discussione, pero', questo
>sistema verra' probabilmente modificato.
>
>Claudio Allocchio
>
>------------------
>
>Egr. Dott. Claudio Allocchio
>Presidente Naming Autority Italiana
>
>
>Noto con dispiacere, dalla bozza del verbale della N.A allegato al
messaggio
>e-mail forwardato il giorno 2 c.m. nella lista ITA-PE, della quale sono
stati
>dati accenni in precedenti messaggi, della qual cosa con ritengo sia
>stato fatto
>un corretto utilizzo poich comunque  sempre il verbale definitivo che DEVE
>essere menzionato e non stralci o bozze o altre informazioni non
>ufficiali, che
>il mio nominativo non  stato considerato allĠaltezza per lĠiscrizione alla
>Naming Autority Italiana.
>Anche il metodo adottato per lĠaccettazione delle candidature e quindi
>lĠeventuale inclusione o esclusione da tale organismo, mi ha lasciato
>alquanto
>perplesso e mi chiedo se sia possibile che un ente di tale importanza
>possa, in
>sede di assemblea, utilizzare norme comportamentali che mai sono state
>inserite
>nello statuto, o nel regolamento di attuazione dello stesso, pubblicato
>precedentemente, mentre sulla base di tale documento ufficiale ha
>accettato le
>candidature stesse.
>
>Nella mia ormai vasta esperienza professionale sia per la costituzione di
>societ commerciali o enti non commerciali o morali che di Presidenza degli
>stessi sia nello svolgimento di mansioni di delegato o associato, mai ho
>pensato
>di avocarmi decisioni su modifiche in corsa di norme o interpretazioni
>restrittive o addirittura diverse di norme statutarie.
>Normalmente vige il principio che i diritti acquisiti sono intoccabili e mi
>stupisco che fior di avvocati, gi iscritti o associati alla N.A. stessa,
che
>masticano il diritto assai meglio di me, abbiano accettato di calpestare
>norme
>che sono alla base di ogni paese civile. Io reputo sacrosanto il seguente
>principio: "ci che non  scritto nel regolamento che  vietato, o non
>contrario a ci che  scritto, non pu essere contestato".
>
>Ho aspettato a inviare questa mia perch volevo essere sicuro che quanto
avevo
>letto nella lista fosse vero e devo notare che tutti i partecipanti
>allĠassemblea stessa hanno cercato di difendere il loro orticello a spada
>tratta
>come se fosse una casta e dovessero partecipare alla spartizione di una
torta
>che si chiama Naming Autority Italiana.
>
>Accetto con serenit la "non accettazione" della mia domanda perch voglio
>ritenere che i mie titoli non sono allĠaltezza per lĠiscrizione a tale
>organismo
>ma non posso tollerare che la motivazione sia la seguente:
>
>" La motivazione comune della non accettazione delle domande di
>ammissione
>e' stata "non risulta dalle richieste un possibile chiaro contributo ai
>lavori della NA; inoltre non vi e' stato un contributo attivo alla
>discussione sulla lista, e i richiedenti o non sono presenti
>all'assemblea
>della N.A., o sono presenti solo per delega, ma senza aver inviato al
>proprio delegato una propria presentazione/motivazione/proposta di
>contributo ai lavori della N.A."
>
>Non mi risulta che tali condizioni fossero richieste come prevalenti.
>Anzi, non
>mi risulta neppure che un non iscritto, debba partecipare allĠassemblea per
>poter essere presentato (a mia conoscenza solo le associazioni come
>Rotary o
>Lions o la Massoneria hanno in statuto tale obbligo) e comunque
>lĠinterpretazione del combinato dellĠart.3 e dellĠart. 5 cozza contro il
>normale
>buon senso e la logica associativa. EĠ stato fatto di proposito allo
>scopo di
>impedire volontariamente  e a discrezione accessi estranei al punto 1 e 3
>dello
>stesso art. 5? Da nessuna parte  ben determinato il significato delle
parole
>"iscritti" e " ammessi" nonch il preciso significato del termine "lista" (=
>associazione?) (se sbaglio chiedo che mi si illumini su tali punti).
>
>Dal giorno della presentazione della mia domanda, direttamente a Lei
>presentata,
>che ritenevo sufficiente, ho continuamente letto messaggi di
>"scornamento" tra i
>vari avvocati e studi di consulenza e assai pochi tread di discussione con
>importanti confronti su quanto sta a base della esistenza della Naming
>stessa e
>devo dire che la mia impressione non  stata molto positiva ma la precisa
>informazione che la discussione di alcuni partecipanti dava a precisi
>problemi
>mi ha fatto capire che in ogni cosa, una volta fatta la selezione
>necessaria, si
>pu trovare molto di interessante.
>
>Se non ho partecipato alle discussioni  solo perch, da "vecchio" dei
>gruppi di
>discussione (gi allĠepoca di Fidonet frequentavo newsgroup e credo che
alcuni
>iscritti neppure conoscano tale rete amatoriale) ho sempre cercato di
capire
>prima chi fossero i partecipanti per evitare lĠinsorgere di inimicizie o
>cattive
>presentazioni o errori di valutazione nelle stesse poich esprimere per
>iscritto
>concetti  assai difficile e basta poco per far capire lĠopposto di quello
che
>in realt uno vuol dire maÉ probabilmente nel 3. Millennio le cose vanno
>diversamente. Comunque ringrazio Lei che mi ha iscritto alla mailing
>list  mi
>ha aperto gli occhi su un newsgroup che ancora non conoscevo.
>
>Le porgo i miei complimenti vivissimi per la Sua Riconferma a Presidente
>e Le
>auguro un buon lavoro per il futuro sperando che nei Suoi impegni vi sia
>anche
>quello di rendere pi preciso lo statuto della Naming in modo da non dover
pi
>dirimere questioni che purtroppo porgono il fianco a interpretazioni e
>valutazioni che non seguono lĠortodossia prevalente.
>
>Grazie ancora della Sua disponibilit, di nuovo complimenti e, augurandoLe
di
>nuovo buon lavoro contemporaneamente La prego direndere pubblica la
presente.
>
>Rag.Giorgio Migliori
>giorgio.migliori a aznet.it
>
>
>
>Voghera li, 2 novembre 2000



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe