Metodo di spam alternativo...

fleone a SISTEMIA.COM fleone a SISTEMIA.COM
Gio 9 Nov 2000 12:41:58 CET


Idee per il momento non ne ho..
Ma ho dovuto affrontare un problema analogo che credo sia pių diffuso di
quanto sembri..
In effetti urge prendere posizione in merito per definire una linea guida
ufficiale.
Ma credo che il problema di fondo sia l'attuale configurazione del
problema.. Ci provano con gli open relay, ora con in messaggi di errore...
domani chissā..
Ognuno di noi č in effetti impegnato ad arginare il problema, ma non esiste
una specifica forma di prevenzione.
Chissā, potrebbe essere opportuno definire un team di tecnici in grado di
ipotizzare gli scenari opportuni e cosiglare i postamaster sulle azioni da
intraprendere prima che lo scenario muti ??
In pratica.. siamo tutti + o - impegnati ad arginare gli attacchi di questo
genere, che a parte tutto inficiano anche le prestazioni dei servizi
paganti... ma nessuno di noi, almeno credo, correggetemi se sbaglio, ha un
riferimento su linee guida di prevenzione relative agli scenari attuali e a
quelli immediatamente ipotizzabili in un immediato futuro. Penso che tutti
noi con un po' di tempo a disposizione potremmo ipotizzare questi scenari
relativi alle tipologie dei prossimi attacchi, ma credo non ne abbiamo
materialmente il tempo.
Come N.A. abbiamo modo di creare un task force dedicata a stilare una forma
di "manuale d'uso"  o "norme di comportamento" ufficiale da destinare ai
postmaster italiani ??  Naturalmente oltre a stilare il "manual" il team
dovrebbe sicuramente analizzare il mercato ed ipotizzare gli scenari futuri
in modo che le nostre aziende possano essere un passo avanti in questa
specie di guerra fredda, dove le macchine vengono utilizzate per ottenere
risultati da noi non desiderati ed a nostre spese.
Chissā se č realmente fattibile. Tecnicamente lo č, se non altro sarebbe un
tentativo di essere un passo avanti.
Attendo commenti.
Grazie.

Stefano Fabio Leone
SISTEMIA-MNT



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe