R: A futura memoria

Riccardo Roversi rroversi a SLA.IT
Dom 12 Nov 2000 18:13:29 CET


Buonasera

Mi pare che siamo tutti d'accordo sul fatto che NA potrebbe formulare una
proposta di sintassi omogenea per i nomi a dominio delle scuole.

Secondo me (ma è opinione personale che rimetto al giudizio della lista)
sarebbe altamente opportuno che NA prendesse una posizione formale
sull'argomento, tenuto conto che in Italia siamo ancora piuttosto lontani da
una sintassi uniforme (e quindi conoscibile dall'utente) per i nomi a
dominio degli enti pubblici (qualcuno ricorderà che, sino a qualche
settimana fa, il governo era presente con un sito dal nome demenziale
www.palazzochigi.it).

Forse si potrebbe cogliere l'occasione delle scuole per formulare una
proposta ampia.

Forse, aggiungo, la proposta potrebbe essere elaborata da un gruppo di
lavoro nominato allo scopo, così da evitare di caricare l'intera lista
dell'onere di valutare una serie di dettagli tecnici.

A presto

---------------------------------------
Riccardo Roversi
Studio Legale Abbatescianni
Tel +390254131722 Fax +390255014830
www.sla.it


Information in this message is confidential and may be legally privileged.
It is intended solely for the person to whom it is addressed.  If you are
not the intended recipient, please notify the sender, and please delete
the message from your system immediately.





----- Original Message -----
From: Enzo Fogliani <fog a fog.it>
To: <master a chiari.net>
Cc: 'Assembly of the Italian Naming Authority' <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Friday, November 10, 2000 6:15 PM
Subject: Re: A futura memoria


> Control C ha scritto:
> >
> >> Fogliani scrive:
> >> "...La NA decide le regole di naming, ma non puo' certo proporre e
> >> tantomeno imporre a determinati soggetti una sintassi piuttosto che
> >> un'altra..."
> >>
> >> Ho capito bene? I magici bit e byte della rete non hanno travisato?
> >>
> >> LA NA NON PUO' CERTO PROPORRE ?!?!?!?!?!?!?
>
> Non vorrei essere stato frainteso.
>
> Le scuole italiane fanno capo ad un ministero, che essendo una pubblica
> amministrazione ha propri enti che hanno il potere di determinare i
> criteri di uniformita' per i nomi a dominio.
>
> Nei confronti di questi enti la NA ha la stessa legittimazione di un
> qualunque altro soggetto privato che suggerisca una soluzione. Non vedo
> quindi una grande utilita' pratica nel discutere nella lista ed
> impegnare CE e NA nel raggiungimento di una proposta unitaria targata NA
> che poi rimane comunque tale e deve essere valutata dall'autorita'
> preposta (sempre che abbia interesse a farlo) esattamente come qualsiasi
> altra.
>
> Diverso e' il discorso se tale autorita' raggiunge una decisione in
> merito ad una unificazione dei criteri di registrazione dei nomi a
> dominio per le scuole. Allora, ma solo dietro impulso dell'autorita'
> competente, si potrebbe intervenire per eventualmente riservare tali
> nomi.
>
> Saluti a tutti,
>
>     Enzo Fogliani.
>
>
> -------------------------->>>  <<<--------------------------
> Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
> Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
> http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe