Al Senato parte l'esame del ddl Domini.

Maurizio Codogno mau a BEATLES.CSELT.IT
Sab 18 Nov 2000 09:23:55 CET


Una sola nota ad Alfredo:

> Riporto un brano che mi pare di totale disconoscimento del ruolo e del
> lavoro sinora svolto della Naming Authority e che identifica la nuova
> Anagrafe col CNR. Cio' apparentemente eliminerebbe con un colpo basso la
> possibilita' eventuale di spostare la RA presso latra sede o di istituite
> multiple RA e di fatto sancirebbe la nullita' della NA come ente normatore
> nei confronti della costituenda "Anagrafe" :

Indubbiamente avere l'Anagrafe indicata per legge presso il CNR rende
impossibile spostarla se non cambiando la legge, e dalla lettura della
sessione e` chiaro che - se mai ci fosse un ente normatore - non sarebbe la
NA come ora ma al limite i "manteiners" (sic) e i "providers" potrebbero
essere gentilmente invitati ad assistere ai lavori.

Pero` non riesco a capire perche` non si potrebbero avere multiple RA.
Continuo a dire che il Registro (registry) e` uno e uno solo per ottime
ragioni tecniche... poi ci possono essere piu` enti che ci possono operare
esattamente come con NSI e i registrar.

Piuttosto, avete notato che e` rispuntato il "Portale Italia"? e qualcuno
mi spiega che cosa vuol dire "astrattamente il numero Ŕ illimitato, ma che
la determinazione di eventuali limiti complessivi dipende dagli accordi
presi con l'AutoritÓ centrale cui fanno capo le richieste delle singole
autoritÓ nazionali che assegnano i domini."??????

ciao, .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe