Esame del ddl Passigli in Senato

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Sab 18 Nov 2000 14:46:09 CET


Mi sono letto il resoconto delle sedute 662 e 664 della 2' commisione di
giustizia del Senato e la mia impressione e' che la situazione e' delicata ma
non cosi' drammatica.
La relazione del sen. Caruso (nella 662) esprime i dubbi che noi stessi
avevamo espresso sul DDL Passigli (nomi di genere, nomi che generano
confusione etc..) ed in merito piu' propriamente riferito al ruolo di una
eventuale Authority offre diverse la possibilita'  tra cui anche quella di
attribuire tale ruolo anche quella gia' esistente (se non altro,forse, per ragioni
di bilancio :)
Ovviamente e' comprensibile la reazione protettiva del sen. Passigli quale
proponente del DDL (relativa alla parte riportata in lista della seduta 664).
qundi credo ci si trovi in piena fase interlocutoria...

Certo e' che in assenza delle precisazioni sollecitate nella relazione del sen.
Caruso una approvazione rischierebbe di produrre l'effetto opposto a quello
desiderato.

A meno che la giornata del Coesin non sia stata solamente uno strumento di
'carotaggio'  su quanto sia 'determinato' il 'nemico' (perdonatemi la sintesi)  e'
assolutamente auspicabile che i contributi vengano portati sul tavolo di tale
discussione sopratutto perche' - credo si possa essere tutti d'accordo -
l'analisi di un DDL su tale materia richiede una maggiore attenzione agli
effetti e per stessa dichiarazione del sen.Passigli la proposta , nella
intenzione iniziale, e' sorta per arginare i fenomeni di accaparramento
spostandosi poi per una 'maggiore sensibilita' all'argomento Internet relativa
alla fase di campagna elettorale...argomenti che, seppure importanti, sono
solo alcuni degli argomenti che dovrebbero essere presi in considerazione
con maggiore attenzione. (lo spam elettorale ad esempio e' una delle cose
cui per esempio non sembra nessuno in tale sede si preoccupi....)

Credo che ci sia da stare ' a filo'  alla discussione per vedere come evolve...

Cordiali saluti
Giorgio Griffini



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe