La discussione sul DDL sui nomi a dominio

Claudio Allocchio Claudio.Allocchio a ELETTRA.TRIESTE.IT
Lun 20 Nov 2000 11:07:59 CET


Buon giorno a tutti,

forse... dico forse... vi state dimenticando che una delle azioni che mi
avete affidato (leggere verbale) e' quella di interagire con le autorita'
competenti, anche per quel che riguarda casi come il DDL sui nomi a
dominio etc.

E di conseguenza e' quello che sto facendo, da molto tempo prima che
iniziassero ad arrivare i messaggi sulla lista.

Oltre al contributo per il COESIN (con il quale ho in incontro specifico
il prossimo 29 proprio per stendere le proposta di regolamentazione
globale del sistema, a partire da RA, NA e per finire a ICANN, GAC, etc),
ho anche gia' inviato e contribuito a suggerire gli emendamenti al DDL in
questione, facendoli arrivare nelle relative sedi, ed a proporre i
necessari emendamenti al DDL stesso per renderlo un qualcosa di "sensato"
anche dal punto di vista della sua utilizzazione.

Si tratta della correzione dei punti del testo dove "proprio non ci
siamo", specialmente nell'articolo 1.

Per l'articolo 2 il tutto viene invece adeguato ai commenti espressi
anche dalle commissioni parlamentari, che dicono che NON si puo' non
tenere conto delle situazioni internazionali (vedi ICANN) e nazionali,
per cui la cosa piu' sensata e' "rimandare il tutto ad una sede di
regolamento attuativo", e dire che "provvisoriamente il tutto resta cosi'
com'e' adesso, con un "Anagrafe" (che e' il Registry!) che opera
presso lo IAT, ed un "policy board" (che e' la NA integrata nella nuova
forma con rappresentanti delle varie componenti della realta' internet in
Italia), il tutto sotto il cappello di un Ministero adeguato
(probabilmente il Ministero Attivita' Produttive = Min. Industria+Min
Comunicazioni).

Nel documento allegato potete vedere (e passare, se lo ritenete
opportuno, a chi possa supportarlo in Parlamento) le proposte di
correzione e modifica che ho sottoposto. Alcune di queste sono gia' anche
state recepite in sede di discussione.

Inviero' il documento anche a coloro che sono intervenuti nella
discussione al Senato.

Buona Lettura...

Commenti: se opportunamento "corretto" come suggerito, il DDL diventa un
oggetto utilizzabile in modo opportuno per i seguenti motivi:

 - dichiara che ai nomi a dominio si applicano le leggi esistenti sui nomi
   e sui segni distintivi (su questo possiamo o meno essere d'accordo,
   ma rimuove tutti i possibili dubbi in materia)

 - demanda la creazione di un "agenzia" opportunamente incaricata di
   occuparsi delle questioni legate alla rete, COMPRESE ad esempio le
   questioni di uso scorretto, spamming, commercio elettronico, etc...

 - riconosce che esistono cose come ICANN e simili.


buon lavoro di lobbying a tutti...

Claudio Allocchio
-------------- parte successiva --------------
Un allegato non testuale  stato rimosso....
Nome:        non disponibile
Tipo:        application/octet-stream
Dimensione:  75776 bytes
Descrizione: 
URL:         <http://listsrv.nic.it/pipermail/ita-pe/attachments/20001120/97725b3b/attachment.obj>


Maggiori informazioni sulla lista ita-pe