Decisione arbitrale in materia di nomi di dominio

Elio Tondo elio a XTREME.IT
Lun 16 Ott 2000 23:58:43 CEST


Maria Luisa Buonpensiere scrive:

>         Mi sembra che nonostante le reazioni che aveva suscitato un suo precedente
> intervento, lei non abbia ben capito come funzionano le cose sulla lista
> della NA.
>
>         La NA non e' una passerella per fare pubblicità ai propri siti. Ne
> esistono di molto piu' completi del suo, gestiti da altri suoi colleghi (ad
> esempio, l'avv. Andrea Monti e l'avv. Enzo Fogliani, tanto per non fare
> nomi), che peraltro, come avra' visto, non usano certo la NA per
> pubblicizzare il loro sito ogni volta che esce una sentenza o una MAP.

Tutto mi sarei aspettato da una lista della Naming Authority, piuttosto che un
continuo battibecco tra avvocati sempre pronti a sfoderare la loro migliore
dialettica. Mi sono iscritto, in quanto maintainer e quindi avente diritto a
partecipare alla NA a termini di statuto, per una maggiore informazione
sull'evoluzione delle regole di naming, per evitare quanto sono venuto a
scoprire l'anno scorso a Bologna in sede del Comitato dei Contributori, ovvero
che ogni decisione su tali regole era stata presa precedentemente, senza che
fosse stata minimamente pubblicizzata da parte della RA ai maintainer.

Credo che questa lista dovrebbe servire per uno scambio di idee tra gli
operatori del settore, e quindi e` quanto mai opportuna la discussione sugli
impatti delle recenti modifiche proposte in tema di autocertificazione, ma
credo che tanti dettagli sui singoli casi di riassegnazione dei domini lascino
il tempo che trovano. Piuttosto e` il meccanismo stesso di gestione della NA,
fortemente centralizzato e con minimo potere decisionale della base, come e`
gia` stato rilevato da altri, che mi lascia fortemente perplesso. Per un ente
che lavora su e per Internet mi sarei aspettato di meglio.

Cordiali saluti

Elio Tondo
XTREME-MNT



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe