Proposte di modifiche allo statuto - art. 13

Enzo Fogliani fog a FOG.IT
Ven 20 Ott 2000 12:55:10 CEST


Ecco le mie osservazioni sulle proposte di Codogno di modificare l'art.
13 dello statuto,

Maurizio Codogno ha scritto:
> (3) Nuovo comma (II) dell'articolo 13 (DURATA DEL COMITATO ESECUTIVO)
>
>  --- testo
>
>    I membri eletti del comitato esecutivo non possono essere arbitri,
> saggi o enti conduttori.

Mi sembra vagamente qualcosa di personale :-))
Scherzi a parte, mi sembra che cio' discrimini fra membri della NA di
serie A (che possono eleggere ed essere eletti nel CE) e membri di serie
B, che non possono entrare nel comitato esecutivo.

Anche qui, la proposta non brilla per democrazia. In un'ordinamento
democratico, ognuno puo' eleggere ed essere eletto per contribuire a
fare le norme dalle quali sara' governato. Nel CE, poi, si contemperano
gli interessi di ciascuno creando norme che sono votate dalla
maggioranza.

In questo modo, invece, avremmo persone che sono soggette alle norme e
le devono applicare, ma non possono partecipare alla loro formazione.
Non si capisce poi per quale motivo invece i maintainer, che sono nella
stessa situazione, dovrebbero avere un trattamento differenziato. Non si
capisce neppure per quale motivo nel CE dovrebbero starci "tecnici" che
sono in un certo qual modo estranei alle regole, e perche' dovrebbero
decidere loro le norme sulla base delle quali dovrebbero comportarsi gli
altri.

>  --- razionale
>
> Arbitrato e MAP sono il nostro potere giudiziario. Il CE e`
> il nostro potere legislativo. Vogliamo o no separare i due poteri?

Questo e' una visione della separazione dei poteri del tutto peculiare.
Forse il presidente del consiglio o i ministri (che sono l'esecutivo)
non fanno anche parte in genere del parlamento?

O forse i magistrati e gli arbitri non possono eleggere o essere eletti
in parlamento (Violante e Scalfaro, per fare un esempio, sono
magistrati)? o addirittura gli impiegati dello stato (ad esempio i
cancellieri, che svolgono le funzioni che svolge un ente conduttore) non
possono eleggere o essere eletti nel parlamento?

Separazione dei poteri vuol semplicemente dire che l'ente collegiale che
svolge ciascuna funzione e' formato in modo diverso da un altro; ma non
vuol dire che la stessa persona non puo' stare in posti diversi!

Ciao!

    Enzo Fogliani.


-------------------------->>>  <<<--------------------------
Avv. Enzo Fogliani, via Prisciano 42, 00136 Roma
Tel.:  +39-06-35346935; Fax:  +39-06-35453501
http://www.fog.it/enzo - E-Mail: fog a fog.it



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe