R: Enti conduttori e CE.

Lapo Sergi lapo a QUIXE.COM
Dom 22 Ott 2000 21:50:54 CEST


 > Concordo sul fatto che - se si ritiene opportuno una rappresentanza
> nel CE di enti conduttori - questa debba essere appunto formale,
> esattamente come e` formale la presenza di un membro della RA, che non
> viene eletto ma nominato dalla RA stessa.

 Esattamente quello che intendevo: nella visione attuale della gestione
delle
MAP gli Enti diventano a tutti gli effetti organi esecutivi della NA, così
come lo è la RA, e dunque devono essere rappresentati allo stesso modo.

 > Io continuo a pensare che possa essere comunque utile, in alternativa
> alla procedura giudiziale. E` anche vero che (Ente Poste insegna)
> chi e` abbastanza grosso e vuole fare vedere quanto e` bravo
> comunque lo snobba...

 Appunto, continua a sfuggirmi l'utilità, scusami, a meno ch non si voglia
creare un secondo grado di giudizio per evitare il piu' possibile il ricorso
alla Magistratura Ordinaria (e spero che i casi Poste Italiane e Sabena
abbiano insegnato che in questo campo ricorrervi significa giocare alla
roulette russa!).

 > La RA aveva proposto (a) di fare una sua procedura interna a costo
> basso, (b) di abbassare di molto i prezzi minimi e diventare un
> ente conduttore anch'essa.
> Il CE (vedasi i verbali delle riunioni, con nomi e cognomi) ha
> rifiutato questa impostazione per "conflitto di interessi della RA" e
> per evitare di ammazzare sul nascere tutte le societa` che potrebbero
> fare MAP.

 Concordo appieno con la decisione del CE: già così, come si vede, la vita è
dura per gli enti conduttori: chi si sarebbe piu' rivolto a loro con la RA e
la sua "ufficialità" in campo e perdipiu' a prezzi stracciati?

 Sarebbe stato un perfetto caso di concorrenza sleale perchè la RA con la
sua
struttura non avrebbe avuto difficoltà a contenere le spese: mi chiedo chi
abbia avuto un'idea così folle (e autarchica), evidentemente in Italia non
si è ancora perso il vizio di "centralizzare" tutto e di conseguenza
limitare le proprie vedute.

C'è poi il rischio che arrivi "peppone" (alias lo Stato, nei suoi organi di
Governo e Magistratura) e ti tolga il giocattolino di mano per manifesta
incapacità di adeguarsi al mutamento degli interessi dei soggetti coinvolti
e per rispondere adeguatamente alla logica "pressione" degli stessi.

 ciao

 Lapo Sergi
www.quixe.it
>
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe