nomi a dominiio e marchi [was:Candidatura CE]

Massimo Grillo grillo a HORUS.IT
Lun 30 Ott 2000 15:46:29 CET


Vedo con piacere che la lista serve a qualcosa, a dispetto di chi affermava
il contrario,  proprio con lo scambio di opinioni e pareri che si risolvono
i problemi e si introducono norme efficaci e funzionali.
Insisto nell'evidenziare le caratteristiche del caso di cui si  discusso in
precedenza:
un dominio non ancora registrato per lentezza di aggiornamento del DB o  per
altri motivi; comunque sia il dominio non  assegnato e la ditta y ha tutti
i diritti di rivalersi sul suo stato di precedenza nell'invio richiesta di
assegnazione, resta valido quanto sotto esposto per i restanti casi con
l'introduzione di ovvie limitazioni dettate dal buon senso a tutela della
correttezza dell'assegnazioni .
saluti e grazie
Massimo Grillo

----- Original Message -----
From: <enzo a enzoviscuso.it>
To: <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Monday, October 30, 2000 1:19 PM
Subject: Re: nomi a dominiio e marchi [was:Candidatura CE]


> L'idea di Vittorio Bertola mi sembra semplice e facilmente implementabile.
> Per ogni dominio si istituisce una "coda" di prelazioni in ordine di
arrivo o di importanza.
> Appena il dominio si libera parte automaticamente  il messaggio per il
primo richiedente in coda, che deve rispondere
> entro 7 giorni. Se non risponde positivamente, parte il messaggio per il
secondo e cosi' via.
> Non e' possibile mettere un limite alle richieste di ciascun maintainer,
ma si puo' per ciascun richiedente.
> Si potrebbe anche verificare preventivamente se il richiedente ha i titoli
per richiedere quel dominio (se attiene al
> suo nome, marchio, prodotto, etc.), in modo da non mettere in lista
richiedenti per solo scopo di lucro.
> Si potrebbe anche dare una priorita' alle richieste in coda, in modo da
mettere per primi i nomi, poi i marchi, poi i
> prodotti e successivamente quelle non proprio attinenti.
>
> Enzo Viscuso

----- Original Message -----
From: "Alessandro Nosenzo" <ita-pe a nosenzo.it>
To: <ita-pe a NIC.IT>
Sent: Monday, October 30, 2000 1:42 PM
Subject: Re: nomi a dominiio e marchi


> Mi riferisco alla discussione avvenuta in lista circa l'istituzione di una
> priorita' alla assegnazione del nome a dominio, in seguito a rinuncia del
> primo registrante, al secondo della lista.
> La proposta formulata appare interessante per quanto attiene il rispetto
> dei diritti di chi e' arrivato secondo nel momento in cui tale dominio
> dovesse nuovamente essere disponibile. Tuttavia non si puo' dimenticare
che
> dopo l'assegnazione del nome a dominio tutte le ulteriori richieste
vengono
> respinte, come e' giusto che sia, e quindi archiviate.
> Poiche' una eventuale procedura di priorita' dovrebbe necessariamente
avere
> dei limiti in giorni e numero di partecipanti il diritto verrebbe
> inevitabilmente limitato tanto da non giustificare il maggiore onere e
> responsabilita' in capo alla RA per la gestione di una simile formula.
> In altre parole finita la procedura di assegnazione i giochi sono fatti e
> non si puo' cambiare nulla, nel caso in cui il domino tornasse libero i
> giochi si riaprono di nuovo come se si trattasse di un nuovo nome a
dominio.
> Neppure e' pensabile una sorta di avviso via email da parte della RA alla
> liberazione del dominio perche' con il passare degli anni la RA dovrebbe
> anche, e gratuitamente, sobbarcarsi l'onere di aggiornare i campi del DB
in
> base alle segnalazioni degli interessati (cambio email, nome, ragione
> sociale ecc.).
> Infine non dimentichiamoci che se si attuasse una simile procedura
> asisteremmo impotenti alla vendita delle priorita' ed all'invio
> indiscriminato di LAR anche per dominii gia' occupati per acquisire la
> priorita' .
> La mia personale opinione, quindi, e' che sebbene il principio enunciato
> sia assai corretto e condivisibile non esista una strumento valido per
> farlo applicare alla RA senza incorrere in rischi ben piu' importanti del
> fenomeno che si intende gestire.
> Saluti.
>
> Alessandro Nosenzo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe