Quale tutela per gli utenti - BIS

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Lun 30 Ott 2000 18:03:59 CET


At 17.25 30/10/00 +0100, Paolo Pomi wrote:
>Da quanto sembra se non c'é "PREUSO" non è possibile alcuna tutela per
>l'utente che ha visto sfumare la possibilità di utilizzo del dominio la
>cui domanda è "scaduta per decorrenza dei termini" grazie all'imperizia
>del maintainer?
>

L'utente e' tutelato se ha diritti da tutelare, con la procedura di
riassegnazione, la procedura di contestazione e l'arbitrato (se previsto).
L'imperizia del maintainer non puo' essere tutelata dalla NA o dalla RA ed
inoltre, come ho gia' detto, non credo che neppure il Tribunale darebbe
grande tutela in un caso come questo.

>Certo l'ingenuità di aver cominciato ad operare PRIMA di avere la certezza
>dell'avvenuta registrazione è imputabile all'utente: ma, se è vero che  i
>rapporti tra utente e maintainer non rientrano nelle competenze nella NA è
>pur vero che la registrazione dei TLD.it è attività  riconosciuta
>"esclusiva" dei maintainer stessi e pertanto qualsiasi possibilità di
>intervento DIRETTO durante la fase di registrazione è
>preclusa  all'utente. Le eventuali controversie derivanti dalla
>interpretazione delle norme contrattuali tra l'utente ed il

Questo non e' vero all'utente e' concessa la registrazione diretta al costo
di Lit. 400.000. E' vero il prezzo e' alto ma il privato che desidera puo'
registrare direttamente il dominio. Certo costa di meno all'utente
controllare che il maintainer esegua bene il suo mandato.

>maintainer (così come tra avvocato e cliente, tra medico e paziente, tra
>fumatore acquirente e tabaccaio venditore, ....) troveranno, com'è ovvio,
>soluzione in ambito civile. Ma perché l'autorità preposta cioè l'organismo
>che stabilisce le procedure operative ed il regolamento in base al quale
>opera la Registration Authority e a sua volta la R.A. non hanno
>formalizzato un contratto tipo che i maintainer DEVONO sottoscrivere
>assieme all'utente che chiede la registrazione? Ciò al fine di tutelare,
>sempre, la parte più debole...

Concordo su questa necessita' ma non vedo come un contratto tipo potrebbe
mettere al riparo l'utente da una simile evenienza (errore di registrazione
da parte del maintainer). Il problema e' che il maintainer non cede un
proprio dominio su cui ha dei diritti, ma si limita ad eseguire una
procedura per ottenere la registrazione. Una prestazione di mezzi non di
risultati. Certo la procedura e' finalizzata alla registrazione del dominio
ma non e' detto che cio' avvenga.
In ogni caso e' senz'altro opportuno che la Naming Authority verifichi che
sia stato fatto tutto il possibile per tutelare l'utente del maintainer
attuando eventuali miglioramenti nelle procedure.
Cordiali saluti.


Alessandro Nosenzo



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe