Il "peccato originale" :))(era nomi a dominiio e marchi)

lawfirm a ANDREAMONTI.NET lawfirm a ANDREAMONTI.NET
Mar 31 Ott 2000 07:50:52 CET


Salve a tutti,
torna ciclicamente il concetto che ci sarebbero domini "piu' domini
di altri" e la conseguente proposta (in alcuni casi gia' operativa) di
"trattarli" in modo differente (marchi, nomicognomi ecc).
Credo che questo sia frutto di una non-decisione di fondo
sull'annosa questione dell' "entrare nel merito" delle registrazioni.

Se siamo d'accordo che la NA e' un "semplice" organismo di
normazione tecnica, allora non dovremmo affatto preoccuparci di
problemi di marchio, nomi, cognomi ecc., visto che gli strumenti
(con piu' di una personale perplessita' sulle MAP) per la risoluzione
delle dispute ci sono.
Il che implica pure la non necessita' di inserire nelle regole norme
relative alla protezione di questo o quelo tipo di nome a dominio.

A questa posizione di principio, ribadita fino all'ultima assemblea,
fa fronte uno stato di fatto nel quale, in concreto, sia la NA sia la
RA ritengono di dover (o voler) entrare nel merito delle registrazioni,
e le Regole vigenti stanno li a dimostrarlo.

Credo sia utile, inanzi tutto sotto il profilo pratico, "sciogliere"
questa "ambiguita'" e decidere quale sia la prospettiva nella quale
disciplinare le registrazioni.

In quest'ottica, potrebbe essere utile lasciare gli aspetti tecnici
nelle Regole di Naming e inserire le parti giuridiche in "condizioni
generali di contratto" che regolano l'assegnazione dei nomi a
dominio.

Un caro saluto
Andrea Monti



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe