nomi a dominiio e marchi

Massimo Grillo grillo a HORUS.IT
Mar 31 Ott 2000 11:22:50 CET


scusate l'intervento

nulla di tutto ciò, si cerca solo di risolvere una situazione che si è
verificata, nel rispetto del "principio di chi arriva prima"; SE ovviamente,
il dominio NON RISULTA REGISTRATO è a mio parere d'obbligo l'assegnazione
dello stesso al secondo richiedente; se poi vogliamo considerare minima la
percentuale di riscontro di tale evento e non interessarcene, visto le
numerose difficoltà sollevate per una funzionale risoluzione tecnica del
caso (pertanto ne deduco che è questo lo spirito con il quale si
confezionano le regole e le procedure per "dare la massima linearita' e
trasparenza al processo di registrazione dei domini") concordo con la NON
RISOLUZIONE (ignorare) del problema, aspettando quei "tempi che verranno"
dell'eliminazione della LAR e via dicendo, ed è questa la "giustificazione"
che inoltrerò al cliente, qualora si ripresentasse l'inconveniente
(scongiurandolo :-) ....).
grazie anticipatamente dei commenti

cordiali saluti
Massimo Grillo

----- Original Message -----
From: "Griffini Giorgio" <grunz a tin.it>
To: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Monday, October 30, 2000 9:22 PM
Subject: Re: nomi a dominiio e marchi


> Commento ulteriormente la serie di messaggi sulla "prelazione":
>
> Scusate la franchezza, ma dai messaggi che appaiono in lista mi sembra si
> voglia stabilire un secondo anello infernale di "registrazione"
(condizionata al
> rilascio) quando invero non siamo nemmeno cosi' sicuri di aver risolto
tutte o
> almeno buona parte delle idiosincrasie presenti nel circuito principale.
> Non vi sembra un po' troppo azzardato ?
>
> Cordiali saluti
> Giorgio Griffini

----- Original Message -----
From: "Eusebio Giandomenico" <e.giandomenico a gorgia.it>
To: "Griffini Giorgio" <grunz a tin.it>; <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Tuesday, October 31, 2000 7:33 AM
Subject: Re: nomi a dominiio e marchi


> At 21:22 +0100 30-10-2000, Griffini Giorgio wrote:
> >Non vi sembra un po' troppo azzardato ?
>
> A me sembra fuori luogo e funzionale solo a rispondere alle esigenze
> - di ansia piu' che reali - di quanti sperano un giorno di vedersi
> cadere dal cielo il nome a dominio che non hanno pensato a registrare
> prima della fatidica data...
>
>
> --
> +-------------------------+-----------------------------------------+
> | Eusebio Giandomenico    | ScuolaIaD - Univ. di Tor Vergata:       |
> |                         | Eusebio.Giandomenico a uniroma2.it        |
> | e.giandomenico a gorgia.it|                                         |
> |                         | Fondazione Scuola Nazionale di Cinema:  |
> | Fax: 06.23316617        | giandomenico a snc.it                     |
> +-------------------------+-----------------------------------------+

> ----- Original Message -----
> From: "Daniele Vannozzi" <Daniele.Vannozzi a IAT.CNR.IT>
> To: <enzo a ENZOVISCUSO.IT>
> Cc: <ita-pe a na.nic.it>
> Sent: Tuesday, October 31, 2000 9:01 AM
> Subject: Re: nomi a dominio e code di attesa
>
>
> enzo a enzoviscuso.it wrote:
> >
> > At 13.19 30/10/00, Enzo Viscuso wrote:
> > >...
> > >L'idea di Vittorio Bertola mi sembra semplice e facilmente
> implementabile.
> > >Per ogni dominio si istituisce una "coda" di prelazioni in ordine di
> arrivo
> > >o di importanza.
> > >...
> >
> > La coda dovrebbe in questo caso essere non-pubblica, e neanche i
provider
> dovrebbero conoscerla; pero' e' difficile:
>
> Una procedura di questo tipo presterebbe il fianco a mille dubbi di
> "pari trattamento" e visto che la maggior parte delle scelte fatte fino
> ad oggi su regole e procedure sono state improntate a dare la massima
> linearita' e trasparenza al processo di registrazione dei domini nel
> TLD .it preferirei non invertire la rotta.
>
> > qualcuno potrebbe venirlo a sapere, ci sarebbero sempre sospetti che
> qualcuno ...
> > Se io ho troppi domini (e' vero ...) e mi faccio dei conti e decido di
> "mollarne" qualcuno, se vedo che c'e' in lista un
> > mio concorrente me lo tengo, se vedo che se lo accaperrerebbe qualcuno
> fuori dalla mia attività potrei anche
> > rinunciarvi.
> > Comunque anche se tutti facessero questo ragionamento ci vedo nulla di
> male.
> > E' nelle regole del mercato.
>
> In ogni caso mi rimane difficile capire fino in fondo i principi che
> sono alla base della richiesta di inserimento di una "pseudo lista di
> attesa" per la registrazione di un dominio. Non credo che registrare
> un dominio sia come prendere un aereo.
> Se la registrazione di un dominio deve essere subordinata ai "diritti"
> sul nome ... le modifiche devono riflettersi poi su tutte le
> regole e procedure (esercizio non banale) impedendo quindi a chi non
> ha diritti su quel nome, qualsiasi operazione di registrazione.
> Se invece si parte dal principio del primo arrivato e' ovvio che
> questo meccanismo dovrebbe essere adottato sempre e quindi
> la lista d'attesa non ha molto senso, anzi spesso complica la
> vita a "clienti/utenti finali", maintainer, NA e RA.
> Saluti,
>
>                 Daniele Vannozzi
>
> >
> > Enzo Viscuso
>
> --
> -----                                                       -----
> Daniele Vannozzi                  Phone:  +39 050 3152084
> IAT - CNR Institute               Fax:    +39 050 3152593
> Via Alfieri, 1 (Loc. San Cataldo)
> 56010 Ghezzano                           E-mail:
> (Pisa) - Italy                    Daniele.Vannozzi a iat.cnr.it
> -----                                                       -----



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe