R: Mandato e trasparenza.

Ignazio Guerrieri guelex a TIN.IT
Lun 2 Apr 2001 14:25:30 CEST


Maria Luisa Buonpensiere ha scritto:

>Ma il nostro presidente sta con la NA o con chi? All'assemblea si e'
>presentato cheidendo mandato a trattare per conto della NA con in politici.
>
>Questa sua idea delle trattative con persone che non possono essere
>nominate e' in palese contrasto con il mandato conferitogli.
>
>Tanto per rimanere sul tecnico, ricordero' che l'art. 1713 cod. civ.
>prevede che "il mandatario deve rendere al mandante il conto del suo
>operato".
>
>Il presidente e' quindi obbligato a dirci i nomi dei politici con cui
>tratta, se non altro perche' tratta per NOSTRO conto.
>
>Se non lo fa, significa che tratta per conto PROPRIO, e cio' come minimo
>autorizza a ritenere che dietro questa pretesa "riservatezza" (che
>contrasta con la trasparenza cui e' sempre stata ispirata la NA) ci possano
>essere interessi contrastanti con quelli della NA.
>
io proverei ad inquadrare la situazione sotto una prospettiva diversa.
tanto per cominciare, quindi, mi chiederei per quale ragione questi politici
non vogliono essere nominati in pubblico.
di conseguenza, tenterei d'immedesimarmi nei panni di uno di loro che sta
discutendo con Claudio sui contenuti del ddl e sui possibili emendamenti.
una domanda che allora - da politico - mi porrei: qual e' l'orientamento del
mio gruppo parlamentare - o dei miei mentori - sulla questione? perche' se
l'orientamento fosse, tanto per dire, quello di appoggiare
incondizionatamente l'attuale articolato, qualche regolina di prudenza in
piu' me la imporrei. se parliamo tanto di fare lobbismo - perche', senza
tanti giri di parole, di questo si tratta - dovremmo anche sapere che il
lobbismo si fa, appunto, nei corridoi, e non nelle aule; il che comporta
inevitabilmente una certa esigenza di riservatezza.
secondo punto: da politico non vorrei bruciare anzitempo le mie eventuali
proposte di modifica, facendole conoscere a destra e a manca e in tal modo
sottoponendole al tiro incrociato dei pasdaran del ddl; infatti non
dimenticherei l'importanza dell'effetto sorpresa in determinate situazioni,
ed alcuni recenti eventi che direttamente ci hanno riguardato dovrebbero
avercelo insegnato...... :-)
ma sicuramente sbaglierei, perche' non sono un politico, non lo sono mai
stato, e ritengo molto difficile che possa esserlo in futuro. :-)
intendo soltanto dire che non mi sembra tanto assurdo che un uomo politico
non voglia essere nominato per trattative simili, sia pure assolutamente
lecite e legittime; e che quindi il riserbo che tiene il presidente su tale
questione non solo e' doveroso nei confronti degli interlocutori, ma e'
condizione imprescindibile perche' non salti per aria il tavolo del dialogo
con la classe politica, mandandoci a casa una volta per tutte.
saluti
Ignazio Guerrieri
----------------------------------------------------------
Avv. Ignazio Guerrieri
Via G. Nicotera, 29
00195 - ROMA
E-Mail: guelex a tin.it
Tel.: +39-06-3217708;  Fax: +39-06-3223335



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe