Fw: Articolo pubblicato dal Suo giornale sulla N.A., il 31/03/01.

G.Battista Frontera gb.frontera a VIRTUALIA.IT
Lun 2 Apr 2001 18:10:21 CEST


......dopo aver ricevuto autorizzazione via mail, posto doverosamente nelle
liste succitate.

.....Mi scuso dei vari "quote", ma ritengo possa essere utile

G.Battista Frontera


----- Original Message -----
From: "paolo de andreis" <paolo a deandreis.it>
To: "G.Battista Frontera" <gb.frontera a virtualia.it>
Sent: Monday, April 02, 2001 5:16 PM
Subject: Re: Articolo pubblicato dal Suo giornale sulla N.A., il 31/03/01.


>
> Salve,
>
> mi spiace leggere tale aggressivita' nelle sue parole ma le garantisco che
> senz'altro provvederemo come richiesto a pubblicare la sua lettera in
forma
> di replica-precisazione.
>
> Mi permetto di segnalare che all'interno della lettera stessa lei formula
> alcune domande al giornale piuttosto che all'autore/autrice di
> quell'articolo di commento a cui fa riferimento (The Observer), nonché una
> serie di considerazioni su articoli pubblicati non su Stand By ma su Punto
> Informatico e che nulla hanno a che vedere con quel commento. E ' evidente
> che mi riservo di risponderle in qualita' di direttore editoriale, cosi'
> come posso immaginare vorra' fare The Observer, in uno spazio ad hoc.
>
> Tengo a precisarle che:
>
> 1 -  The Observer e' autore/autrice di una rubrica autonoma di commenti
sul
> settimanale slegata come tale dalla direzione editoriale del quotidiano (a
> cui fa riferimento nella sua lettera).
>
> 2- La linea editoriale di Punto Informatico e' sempre stata e sempre sara'
> indipendente da terzi perche' e' questo l'elemento fondatore del giornale.
>
> 3- Punto Informatico ha *sempre* (da piu' di 5 anni) dato la parola a chi
ha
> opinioni da proporre ai nostri lettori e che dunque anche lei puo'
> considerarci naturalmente e ben volentieri a sua disposizione per la
> pubblicazione di suoi commenti e/o una replica anche in forma meno
> "aggressiva" di quella che ha inviato, una replica che possa portare ad un
> dialogo anche con lo stesso The Observer, per il giovamento delle migliaia
> di lettori che ci seguono e ai quali, purtroppo, difficilmente arrivano
> "notizie" sull'attivita' del NIC italiano.
>
> 4- La medesima opportunita' di replica e' stata ovviamente offerta a suo
> tempo alla gentilissima dott.ssa Paolini che ci ha scritto ma che non ha
> voluto pubblicare alcunche'.
>
> 5- L'area dei commenti e delle opinioni legata ad ogni articolo da noi
> pubblicato consente a chiunque di esporre il proprio punto di vista su
> quanto pubblicato, in "diretta" e nella stessa pagina della notizia o
> dell'articolo.
>
> 6-  I rapporti con Assoprovider, forse a causa dell'amplissima copertura
di
> stampa data ad ogni iniziativa dell'associazione (non ultima quella
relativa
> alla manifestazione alla quale fa riferimento nella sua lettera), sono da
> tempo ottimi (a quanto a noi risulta). Lo stesso dicasi per i rapporti con
> alcuni dei piu' illustri rappresentanti dell'altra associazione dei
> provider, l'AIIP.
>
> 7- I riferimenti che trova in fondo ai nostri pezzi sono scelti sulla base
> dell'interesse di quei link per l'articolo sotto il quale si trovano. Non
> credo che citare i numerosi articoli dedicati ad Assoprovider avesse molto
> senso (articoli, appunto, pubblicati di propria sponte da Punto
> Informatico...). Ma possiamo ovviamente approfondire insieme l'argomento.
>
>
> Mi faccia sapere come intende procedere, saremo senz'altro lieti di
ospitare
> la sua replica (questa o altra che lei volesse scrivere).
>
> Distinti saluti,
>
> Paolo De Andreis
> Direttore Editoriale
>
> ____________________________
>         PUNTO INFORMATICO
>                     Anno VI
>    http://www.punto-informatico.it
>        * il quotidiano della rete *
>
>
>
> ----- Original Message -----
> From: "G.Battista Frontera" <gb.frontera a virtualia.it>
> To: <pi a andreis.it>; <ita-pe a nic.it>; <exec a nic.it>; <presid a nic.it>;
> <assoprovider a pc3.geonet.it>; <cd a assoprovider.net>
> Sent: Monday, April 02, 2001 1:22 PM
> Subject: Articolo pubblicato dal Suo giornale sulla N.A., il 31/03/01.
>
>
> > Direttore,
> >
> > Chi Le scrive è il "faccendiere" (......più o meno è così che ne vengo
> fuori
> > dalle pagine del Suo giornale, nell'articolo "La scalata della Naming
> > Authority", del 31/3/2001) che con lavorii da "basso impero",  è
riuscito
> a
> > scalare la Vice Presidenza della N.A. italiana.
> >
> > Mi fa specie che una vecchia testata come la Sua (.....veccchia nei
tempi
> di
> > internet italiana), si presti a mettere in rete notizie che contengono
> > verità del tutto parziali, orientate e "cucinate" (...in gergo
> > giornalistico) ad arte, visto l'elenco dei buoni e dei cattivi si fà
> > nell'articolo di cui sopra pubblicato.
> >
> > Che io sappia fa parte dello "Abc, del buon giornalista" di verificare
ciò
> > che è successo, magari sentendo anche il parere degli interessati, cosa
> che
> > non è avvenuta, quanto meno per quel che mi riguarda!
> >
> > Ed adesso, cercherò di confutare l'articolo, visto che sono parte in
> causa,
> > per lo meno per le cose di cui sono a conoscenza.
> >
> > Per quanto ho potuto vedere nei messaggi dell'ultimo anno circa, nella
> lista
> > Ita-Pe (...Lei sa che esiste una mailing-list, chiamata Ita-Pe, che è
> > pubblica e chiunque può iscriversi, vero?), l'unico torto che ha potuto
> > avere la Dott.Gabriella Paolini, Ricercatrice allo IAT di Pisa,
Direttore
> > uscente dello scorso CE, è di essere caduta nelle imboscate verbali di
> > alcuni loschi figuri, che hanno fatto scadere, il dialogo e confronto di
> > posizioni diverse, al livello cialtronesco dell'insulto e offesa
> personale,
> > alla quale la Dott.ssa Gabriella Paolini, per altro non è mai arrivata.
> >
> > Sarebbe forse troppo facile, anche un pò datato, parlare di cialtroni
> > incivili, con l'aggravante di avere per obbiettivo una Signora!
> >
> > Grazie Gabriella, per quanto hai fatto, sino a quando ti hanno
consentito
> di
> > farlo!
> >
> > Sta di fatto che questi accadimenti hanno "ingessato" il lavoro dello
> scorso
> > CE, ed ecco le nuove elezioni!
> >
> > E' uso in democrazia che si formino maggioranze, ed alcuni "trombati"
> > (.....termine che riservo a questi pochi non-eletti!), del tutto
> dimentichi
> > del momento "delicatissimo", visti anche i tentativi di
"normalizzazione"
> e
> > "commissariamento" di internet italiana da parte del mondo politico
> italiano
> > (....quasi internet fosse possibile fermarla alle frontiere con una
> legge!),
> > inseguono la chimera di un'affermazione personale, chissa con quali
> > reconditi motivi, e continuano ad insistere nella delegittimazione della
> > N.A.
> >
> > E' vero si sono iscritti molti provider negli ultimi giorni, prima delle
> > elezioni, molti dei quali erano gli stessi che manifestavano dinnanzi al
> > Senato contro il DDL 4594, jattura per il mondo internet italiano.
> >
> > A questo punto un paio di domande gli le devo fare, Direttore:
> >
> > 1) Dov'era "The observer" (forse sarebbe meglio chiamarlo il Corvo, di
> > sicula memoria!) quando i provider, me compreso, manifestavano dinnanzi
al
> > Senato?
> >
> > 2) Come mai in fondo, o all'interno dell'articolo di cui sopra, come è
uso
> > del Vs. giornale, non ci sono riferimenti, pubblicati sull'argomento,
> > inerente e trattato nell'articolo, incluso l'articolo pubblicato sulla
> > manifestazione di Assoprovider, già pubblicato dal Suo giornale.
> >
> > Forse, ritornado all'argomento dell'elezione del sottoscritto, può
essere
> > sensato pensare che questa gente, i provider intendo, iscritti o non
> > iscritti, ad associazioni di categoria, assieme a rappresentanti del
mondo
> > accademico, e forse anche altri, abbiano voluto riconfermare il vecchio
> > Presidente, figura di altissimo livello professionale, accademico, e tra
i
> > fondatori di Internet, a livello nazionale ed internazionale, ed
eleggere
> a
> > Vice Presidente,  il sottoscritto, rappresentante di un piccolo
provider,
> > identificando nelle due persone, le componenti forti per lo sviluppo di
> > internet, sia in Italia che negli altri paesi.
> >
> > Per quanto riguarda l'elezione del nuovo CE, vada pure ad indagare se vi
è
> > qualcuno qui eletto, iscritto ad Assoprovider.
> > Avrei preferito che c'è ne fossero, ma l'assemblea che ha voluto la mia
> > elezione, ha preferito l'elezione di provider indipendenti, tra i membri
> del
> > CE, e l'assemblea è sovrana!
> >
> > Il nuovo Direttore del CE, è Pierfranco Bini, ed è il rappresentante di
un
> > Provider indipendente, cosa che mi fa molto piacere, per aver iniziato a
> > stimarlo.
> >
> > Spero che un giorno voglia iscriversi ad Assoprovider (....alla faccia
dei
> > retrologi, e di "The Observer").
> >
> > Altra persona eletta nel CE, ed al di sopra di ogni sospetto, è il Prof.
> > Stefano Trumpy, Insigne Membro del Mondo Accademico Italiano, Membro del
> > Co.Es.In. della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Presidente di
Isoc
> > italiana,  etc.etc.
> >
> > Non si vorrà forse affermare che la predetta elezione non porti lustro
ed
> > alta credibilità all'operato del C.E.
> >
> > Vi è poi una congrua rappresentanza di Avvocati e vecchi della lista
> Ita-pe,
> > che ho imparato da poco a conoscere di persona, alcuni già conoscevo di
> > fama, dei quali tutti non ho motivo di dubitare, e come me non ritengo
> > nemmeno altri possano accampare dubbi.
> >
> > Vi è stata poi una proposta di riforma della N.A., da parte dell'Ing.
> Paolo
> > Nuti, Presidente di AIIP, la quale era ampiamente condivisibile, ma
> > l'assemblea ha detto no, e l'assemblea è sovrana!
> >
> > Perchè condivisibile?
> >
> > Perchè non è più pensabile una N.A. che fa regole anche per categorie
che
> > non sono rappresentate e che sempre più in futuro, avranno voce in
> capitolo
> > sull'evoluzione di internet in Italia.
> >
> > Le direttive ICANN (.....ma, che strano! Nell'articolo si parla di
> > "costituency" e non si parla di come sia una indicazione di ICANN!)
> > riguardanti le "costituency",  tanto vituperate nell'articolo di cui
> sopra,
> > se lette con attenzione, altro non sono che consigli di buon senso:
> > l'esigenza di convogliare desideri, aspettative, esigenze che vengono
dal
> > "basso", inteso come provenienti dall'utenza attuale(......."The
> observer",
> > ma che mi combini? Trumpy è presidente di ISOC!) e futura, , delle
> categorie
> > che lavorano in internet, e quant'altro (.....ahimè, anche di "The
> > Observer", ma siamo in democrazia!), con le esigenze istituzionali
> > provenienti da governo e parlamento.
> >
> > Mi vengono i brividi solo a pensare come gira voce in certi ambienti
> > politici e no, di una NA ridotta ad una sorta di comitato consultivo,
> > all'interno della Presidenza del Consiglio, o peggio, all'interno della
> R.A.
> >
> > Poi per rispondere ulteriormente al suo retrologo interessato di
fiducia,
> > The Observer, se vi sono tra N.A. ed R.A., incomprensioni e divergenze,
> > basta fare un minimo di sforzo astrattivo sempre da indirizzi ICANN:
> > immaginiamo internet italiana, come lo specchio della nazione italiana,
la
> > N.A sarebbe l'organismo che ha il potere legislativo, la R.A. il potere
> > esecutivo, gli Enti Conduttori e la magistratura ordinaria il potere
> > giudiziario.
> >
> > Conclusione:
> >
> > 1) Dell'obbiettività dell'articolo da lei pubblicato rimane ben poco.
> Rimane
> > invece una montagna di rifiuti organici, che a confronto quella lanciata
> da
> > macchine apposite dai "cobas del latte", è un'estemporaneità di una
> rondine
> > in primavera.
> >
> > 2) La seconda puntata dell'articolo la scriva Lei (....si iscrive ad
> Ita-Pe,
> > e può parlare con tutte le parti in causa, e farsi un idea obbiettiva.
> >
> > 3) Sia un pochino più accorto nel pubblicare i suoi articoli e a
> verificarne
> > le fonti (....Direttore, già primavera scorsa, in occasione del ricorso
> > all'Authority Antitrust di Assoprovider per pubblicità ingannevole su
Adsl
> > di società telefoniche eccellenti , lei pubblicò una notizia
> > eufemisticamente errata. E dopo segnalazione di ciò sia mia che dello
> Studio
> > Legale che ci assisteva, Lei se la cavo con un articolucolo, che se non
> vado
> > errato, titolava "Assoprovider non ci sta!" o qualcosa del genere. Noi
non
> > instemmo........ E poi tra in Settembre u.s., quando furono tutti
> > condannati, non una parola sul fatto che Assoprovider fosse l'autrice
del
> > ricorso.  Voglio ancora sperare che si tratta di sviste, visto che il
> > delegato per la firma del predetto ricorso son stato io, ed anche chi le
> ha
> > scritto la prima mail segnalandoLe la "svista" !)
> >
> > 4) Sa, bisogna stare attenti ai "confidenti", che non hanno il coraggio
di
> > esporre la propria faccia. Faccia attenzione a come li sceglie.
> >
> > 5) NON SONO LAUREATO! E visto che in qualche intervista mi chiamano
> Dottore,
> > non vorrei, visti i chiari di luna,  ritrovarmi una denuncia da parte di
> > ignoti, per abuso di titolo accademico, milantato credito o quant'altro.
> >
> >
> > Distinti Saluti.
> >
> > G.Battista Frontera
> >
> > P.S. La diffido a riportare sul suo giornale brani della presente
lettera.
> O
> > la riporta integralmente o non lo fa in assoluto. (Naturalmente in caso
di
> > mancata pubblicazione mi riservo al minimino il diritto di replica e
> > smentita. In eventualità i legali faranno il resto.)
> >
> > P.P.S. La diffido inoltre a chiosare, qualora la pubblicasse, sia in
> > apertura sia in chiusura della lettera stessa.
> >
>



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe