Prima proposta formale ai sensi Art. 16 dello Statuto della Naming Auhtority Italiana

Maurizio Codogno mau a BEATLES.CSELT.IT
Lun 2 Apr 2001 18:38:37 CEST


On Mon, 02 Apr 2001 15:39:48 +0200
Bruno Piarulli <piarulli a register.it> wrote:


> Propongo quindi che alla RA venga concesso che, a seguito della sua
> insindacabile decisione di richiedere i documenti che comprovano il diritto
> all'assegnazione, la RA stessa **possa** (non e' obbligatorio ne'
> automatico, ma una libera scelta della RA) porre il dominio nello stato
> "SUSPENDED". Il dominio, cioe', resterebbe inserito nello Whois ma le
> deleghe nel DNS verrebbero rimosse, rendendo di fatto il dominio
> inutilizzabile.

Naturalmente, se si scopre che il tipo aveva diritto al nome, questo
puo` citare la RA per danni, giusto?

(non sto facendo l'ironico. Non ho concetti specifici a favore o contro
il diritto di discrezionalita` della RA, fintantoche` non c'e` la
possibilita` di variare l'ordine delle registrazioni e si puo` vedere se
ha abusato dei suoi poteri. Pero` mi sembra corretto che sia anche
esplicitato il fatto che se sbagliano, pagheranno...)

e con questo spero di avere accontentato il Presidente :-)

ciao,  .mau.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe