.ITALY

Griffini Giorgio grunz a TIN.IT
Mar 3 Apr 2001 23:23:04 CEST


Rispondo:

> >Che roba ?
> >
> >> effetto annuncio, poi si vedra' intanto titolo a 4 colonne del tipo nuovo
> >> dominio per il marchio italiano , passigliate non piu' necessarie , poi fra
> >> tre mesi nessuno se ne ricordera' piu'  (imitate i politici).
> >>
>
> Scusa ma quale serieta' ha allora il parlamento se i politici fanno solo
> annunci e non si conclude niente.  E poi chiedere e' lecito, argomentare
> anche se poi rispondono di no ci si rassegna.
>

Beh...io personalmente misuro la serieta' anche in funzione di quanto uno fa
in relazione a quello che dice di voler fare... e nell'ambito politico puo' essere
sinceramente difficile fare valutazioni positive in tal senso...

Se mi dici che sia opportuno esplorare la possibilita' di attivare dei
"fully-qualified ccTLD"  con il nome esteso del country, beh non credo che ci
siano davvero possibilita' nemmeno nel medio termine (credo che sia
necessario trovarsi in almeno 60-80 countries che fanno questa esplicita e
determinata richiesta ad ICANN e anche fose possibile bisogna superare le
valutazioni di impatto, il test-bed e quant'altro).
In questo frangente 'sventolare'  l'idea di un nuovo ccTLD '.italy' con il
malcelato intento di spostare l'attenzione morbosa dell'ambiente 'politico
governativo'  mi sembra davvero una cosa poco seria.
Tutto qua.

Cordiali saluti
Giorgio Griffini

> >
> >La serieta' di un organismo si riconosce anche dagli atti che compie...
> >.. fate pure se volete...ma mi sento di anticipare che probabilmente
> >diventero'  'particolarmente antipatico'  per i fautori di una simile
> 'bufala'...
> >
> >Cordiali saluti
> >Giorgio Griffini
> >
> >
> ______________________________________________________
>
>
> ______________________________________________________



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe