.ITALY -

chiari mario chiari.hm a FLASHNET.IT
Mer 4 Apr 2001 13:49:51 CEST


Dear All,

qualche commento su .italy

-- Tutti noi sappiamo che Ŕ una proposta (del tutto) teorica. Non pu˛, nŔ
deve, essere un ccTLD (essendo questi giustamente legati al principio uno e
uno solo per entitÓ statale o assimilata). E' ben lontana la possibilitÓ
che sia un gTLD.

-- Ma questo non significa che non sia utile discuterne, per  vederne -
anche soltanto in linea di principio - i pro e i contro, capirne il
possibile status, valutare se sarebbe comunque giusto avere la possibilitÓ
di poterlo attivare, ecc., ecc..

-- So bene che spesso le discussioni puramente teoriche non interessano, ma
io credo invece che  esse possano essere estremamente utili per indurre
alla riflessione problematica, ad acquisire consapevolezza  su i
presupposti, pi¨ o meno taciti, con cui si giudica un certo ambito di
problemi, o coglierne aspetti non visti.

-- per quanto riguarda .italy (o altre proposte similari)
 tre brevi commenti:

* una certa liberalizzazione dei gTLD Ŕ in corso. Se mai ci saranno altre
fasi della liberalizzazione - come credo sia giusto augurarsi - a qualcuno
potrebbe venire in mente di richiedere .italy. Siamo tutti d'accordo che
ICANN dovrebbe censurarlo, e perchŔ? A chi spetterebbe giudicare?

* oggetto di questa lista Ŕ giustamente .it. Ma sarebbe utile avere un
forum italiano di discussioni a largo raggio su il DNS. E nell'attesa di
crearlo, questa lista mi sembra possa ospitare anche tali discussioni.

* (mia impressione) gli 'storici' di ITA-PE a NIC.IT sono troppo concentrati
su .it e troppo poco sule dinamiche generali del governo del DNS. Sbaglio?

a presto mario

ps ovviamente se poi punto informatico scrive che vogliamo .italy, non Ŕ
colpa mia.



 At 18.33 03/04/01 +0200, Bruno Piarulli wrote:
>Mi space smorzare gli entusiasmi, .......



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe