R: PDR e mala fede

Francesco ORLANDO tech a RCART.COM
Mer 4 Apr 2001 15:35:37 CEST


----- Original Message -----
From: "Paolo Furieri" <furieri a NTC.IT>
To: <ITA-PE a NIC.IT>
Sent: Wednesday, April 04, 2001 3:18 PM
Subject: Re: R: PDR e mala fede



> il nome a dominio, se non sbaglio, e' in concessione annuale, rinnovato
> tacitamente.
>
> c'e' un contratto che uno sottoscrive, tramite la lettera di assunzione
> responsabilita'.
>
> bene, questo contratto potrebbe prevedere che uno, qualora dovesse venir fuori
> da una PDR che ha registrato in mala fede, paga una penale pari al costo della
> MAP.

buona idea


<cut>
> per i contratti in essere, basta formalizzare e far partire la cosa all'atto
> del tacito rinnovo.

non sono un legale,
... ma non si può cambiare un contratto in essere
se non si avverte l'altra parte in causa,
che deve avere il diritto di rescinderlo se le nuove clausole non gli vanno bene....
... e di approvarne "esplicitamente" le modifiche.

un esempio banale potrebbe essere che, in nome del tacito rinnovo,
decido arbitrariamente ed unilateralmente di raddoppiare il canone annuo di un servizio.

vorrei vedere chi mi darebbe ragione ed obbligherebbe il cliente a pagarmi il doppio,
la stessa cosa, solo perchè "io voglio così"

non vorrei dover raccogliere (di nuovo) una firma per ogni dominio già registrato :-(


<cut>
>
> Paolo Furieri - Amministratore di sistema Netcom

Francesco Orlando RCA-MNT



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe