MAP e cancellazione (era Risposta a V.Bertola su MAP)

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Gio 5 Apr 2001 13:52:33 CEST


Giorgio a mio modesto parere tu dai troppo potere agli Enti
Conduttori che invece purtroppo o per fortuna altro non sono che
semplici cancellieri. Chi decide e' il collegio di saggi (o il saggio
singolo) che oltre tutto ha pure una discreta responsabilita' civile in
caso di errori od omissioni. Inoltre il ricorso alla magistratura, con
tutte le maggiori garanzie del caso, annulla la Procedura di
Riassegnazione quindi non mi sembra che infine gli Enti Conduttori
abbiano poi questo grande potere che tu paventi (e che
spaventerebbe anche me ovviamente).
Saluti.

Alessandro

On 5 Apr 2001, at 13:18, Control C wrote:

> Tullio Andreatta wrote:
>
> > 2) modificare le regole in modo che la sola cancellazione sia prevista
> >    (oppure, meglio, che sia prevista solo la cancellazione e che il
> >    ricorrente abbia la precedenza per la nuova registrazione).
> >
> > P.S.: Se si tratta di esprimere un parere, io ritengo che la soluzione
> >       n. 2 sia la piu' aderente alla filosofia che aveva ispirato la
> >       MAP/PDR: combattere chi si appropria indebitamente di un dominio
> >       INDIPENDENTEMENTE dal fatto che qualcun altro lo voglia o no.
> >       Ma finche' il CE non modifica le regole, l'assemblea non ha alcun
> >       potere ...
> >
>
> NO Tullio! (sintetizzo sul punto il mio post precedente a Enzo)
>
> 1. Sul versante INTERNO, questo significherebbe di fatto che OGNI Ente
> Conduttore espropria la Naming il CE e la RA della  competenza a stilare
> il registro dei nomi RISERVATI.
>
> 2. Sul versante ESTERNO (certezze e delle garanzie degli utenti) noi
> finiremmo per dire A TUTTI che il loro nome puo' essere REVOCATO in
> qualsiasi momento da un Ente
>
> *** Anche se non viola IL DIRITTO SOGGETTIVO DI UN TERZO
>
> *** Anche se NON E' RISERVATO AL MOMENTO DELLA LAR
>
> Ciao!
>
> Giorgio Giunchi



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe