Commenti a proposta Antispam

Marco d'Itri md a LINUX.IT
Ven 6 Apr 2001 19:40:08 CEST


On Apr 06, Griffini Giorgio <grunz a tin.it> wrote:

 >Sarebbe forse opportuno collocare tale 'normativa' nell'ambito di una piu'
 >generale 'AUP'  (un'altra bella sigletta all'americana) ovvero "Acceptable Uses
 >Policy" che oltre al discorso spam potrebbe affrontare e stabilire , nero su
Abbiamo gia` una AUP, e` la netiquette che tutti sottoscrivono e chi
vuole ignora tranquillamente, visto che non ci sono sanzioni.

 >Credo che al posto di 'indirizzo e-mail' debba essere invece preferito riferirsi
 >al  'soggetto'  perche' e' la condotta del soggetto ad essere in torto
 >indipendentemente da quale espediente tecnico egli utilizzi.
Sono d'accordo, questa formulazione e` molto piu` corretta.
Ora rimane da impedire che chi viene buttato fuori da un provider possa
immediatamente riaprire un altro account.

 >Nel merito della applicabilita' a USENET ritengo che si possano direttamente
 >applicare le stesse policy perche' cambia solo la forma del soggetto 'vittima'
 >(un gruppo invece di un singolo) e non la sostanza del comportamento
 >scorretto.
 >In questo caso, ai fini della accettazione del rapporto di corrispondenza  fa
 >fede il rispetto del 'charter' della lista (ed in assenza di charter vale il
 >discorso analogo del non-assenso tacito)
Nell'ambito di Usenet la soglia di spamming viene definita dai gestori
delle singole gerarchie, il rispetto charter dei singoli gruppi non
c'entra (e ritengo che il suo rispetto o meno non possa essere oggetto
di raccomandazioni della NA).

--
ciao,
Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe