Commenti a proposta Antispam

Marco d'Itri md a LINUX.IT
Sab 7 Apr 2001 12:10:58 CEST


On Apr 07, Roberto Fantini Perullo - Agenzia ANSA <roberto.fantini a ansa.it> wrote:

 >Giorgio, come identifichi uno "spammer" se non con il suo e-mail address?
Esattamente come lo si fa gia` ora: tramite cio` che pubblicizza.

Una cosa molto importante che non e` ancora stata citata e` che e`
responsabile di aiutare uno spammer non solo chi gli fornisce la
connettivita` usata per mandare lo spam, ma anche chi gli fornisce spazi
web o le dropbox per ricevere le risposte.

 >Internet, di identificare il personaggio. Anche se il personaggio in
 >questione ha piu' di un'e-mail, non potendo fisicamente tagliare le mani a
 >costui, dovrai di volta in volta inibire gli invii di posta dagli indirizzi
 >individuati.
Chiunque si occupi di spamming sa bene che questo non e` sufficiente,
perche` ci vuole un attimo ad ottenere un account nuovo.
La settimana scorsa un cliente di interfree ("Sara") ha spedito spam per
due giorni consecutivi usando un account dopo l'altro perche` il
provider non aveva una blacklist telefonica ed evidentemente non valida
gli account in alcun modo.
Gli spammer professionisti piu` evoluti hanno script per ottenerne una
dozzina per volta.

 >A me sembra che lo "spamming" avvenga quasi esclusivamente via e-mail,
Enormi quantita` di spam vengono spedite anche in Usenet, in particolare
nei newsgroup che hanno anche lontanamente a che fare con il sesso.
In Italia i principali provider che se ne fregano sono TIN ed Albacom.

 >Commenti?
Ho l'impressione che l'unico tuo contatto con lo spam sia stato come
vittima :-), e quindi non sei a conoscenza delle tecniche usate dagli
spammer e dei modi usati per combatterli.

--
ciao,
Marco



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe