Commenti a proposta Antispam

Alessandro Nosenzo nosenzo a IDEA.IT
Lun 9 Apr 2001 10:06:01 CEST


Porca miseria la DATA ! Mi sono perso questo messaggio meno
male che altri l'hanno letto e quotato.
Caro Ettore vedi la tua visione del problema e' quella che in alcuni
casi fa venire dei dubbi agli utenti.
Io sono profondamente contrario alla proprieta' privata ed odio i
ricconi che costruiscono in riva al mare le loro villette magari
recintando la spiaggia per evitare che alcuni terresti vadano a
disturbali mentre sono in relax. In Corsica di solito li fanno saltare
in aria (le case non i ricconi) e cio' e' illecito. Del pari pero' e' illecito
costruire in riva alla spiaggia salvo che tu abbia corrotto un
funzionario a Parigi il quale a fatica sa dove si trova la Corsica.
Detto questo io dovrei quindi essere a tuo favore perche' non
riconoscendo il diritto alla proprieta' privata non vedo perche' dovrei
tutelare la mia casella di posta elettronica privata. Invece no
dissento profondamente da cio' che dici per due semplici ragioni: la
prima e' talmente facile da stupirmi che tu non l'abbia notata si
tratta di attivita' illegali (non ti cito tutte le varie leggi in materia ma
ti garantisco si tratta di attivita' illegale), in secondo luogo la mia
casella di posta elettronica, anche ammesso che si consideri
pubblica, deve godere della privacy e quindi e' giusto che sia io a
decidere cosa deve andarci dentro.
Infatti mentre la proprieta' privata e' sbagliata la privacy e' sacra. In
tutte le dittature (di sinistra o di destra non fa differenza) la
proprieta' privata e' tutelata o meno ma la privacy e' violata sempre
ed in ogni caso. In alcuni Stati Americani non puoi neppure fare
sesso come ti pare in casa segno che la privacy non esiste.
Allora la difesa della privacy e' importante quanto la difesa della
liberta'.
Del resto caro Ettore se ti sei informato sai benissimo che oramai
lo Spam negli USA e' affare in mano alla malavita organizzata
segno che forse non sia poi una cosuccia da nulla come tu vuoi far
apparire.
Da un lato abbiamo gli imbecilli (quelli che mandano via 20000
email ad indirizzi presi a caso) dall'altra i delinquenti (che mandano
1 milione di email di spam facendosi pagare, piu' o meno come i
sicari, rendo l'idea).
Non bisogna nemmeno per un momento abbassare la guardia, tu
sei assolutamente libero di autorizzare chiunque a mandarti
qualsiasi tipo di spam ma non pensare nemmeno per un minuto a
far intendere che lo spam sia lecito o buono perche' altrimenti
stasera ti arrivano i miei mobili e trasloco a casa tua, e poi se mi
vuoi mandare via pagherai tu il trascloco di tutto in modo la liberare
la tua casa da cio' che non hai richiesto (capito mi hai?) :-)))
Saluti.

Alessandro Nosenzo


On 1 Jan 1996, at 1:33, Ettore Panella (at the new year party) wrote:
> Scusate se mi intrometto in un discorso che nella miriade di messaggi della
> lista non sono riuscito a seguire fin dall'inizio. Ho cercato di rivedere i
> vecchi messaggi ma non so se sono riuscito a leggerli tutti comunque se
> dico cose gia' trattate vogliate scusarmi per la mia mania di partecipare
> alle discussioni.
> Relativamente allo spam io penso che asserragliarsi su posizioni sorpassate
> e' controproducente. Personalmente io ricevo moltissime mail pubblicitarie
> e generalmente non mi cancello da nessuna lista perche' tra le miriadi di
> mail inutili ne ho ricevute alcune che mi hanno aperto la mente o offerto
> un prodotto che in quel momento  ha risolto un mio problema. certo il
> fastidio di ricevere la solita catena di S.Antonio che mi vuol far
> diventare miliardario e' notevole ma lo ritengo un prezzo accettabile per
> aver ricevuto quelle 10 o 15 mail in 6 anni veramente utili.



Maggiori informazioni sulla lista ita-pe